giovedì, Luglio 2

Libia, una polveriera che sta per esplodere Cosa sta succedendo in Libia? La Libia oggi vale più di tutto il Medio Oriente per l’industria e gli appetiti economici internazionali

0

In questa ultima settimana, per chi segue l’escalation degli accadimenti in Libia, si sono susseguite dichiarazioni di cancellerie varie, lanci di agenzie internazionali, che, tra smentite e verità, hanno fatto emergere l’immagine di unaLibia grande polveriera che potrebbe esplodere da un momento all’altro, contrariamente a quanto si voleva far sembrare fino a pochi giorni fa.

Non più tardi di quattro giorni fa, Mustafa Sanallah, C.E.O della compagnia petrolifera libica NOC (National Oil Corporation), annunciava che la produzione petrolifera libica stava ripartendocon l’apertura dei giacimenti e pozzi che per questioni di sicurezza erano stati bloccati.

Maggiormente si citano le aree di El Sharara, dove è coinvolta la compagnia petrolifera di bandiera francese Total, con altre aziende dell’Oil & Gas quali Repsol, OMV, Equinor ed il giacimento di El Feel, dove opera la nostra ENI, nonché il principale campo di Mellitah, da dove parte il gas che arriva in Italia.

Neanche il tempo che i media internazionali battessero la notizia, che un gruppo di miliziani si precipita sul campo di El Sharara, nei pressi degli impianti e, armati, minacciano il blocco di qualsiasi operazione. Per di più, ad effetto domino continuano ad arrivare news che affermano il blocco di tutti i flussi di prodotto all’interno della nazione e per l’estero, citando come area principalmente danneggiata l’Italia.

L’Italia citata come danneggiata, ma allo stesso tempo l’Italia eletta come Paese strategico e decisivo nella delicata situazione libica che vede due pretendenti come Fayez al-Sarraj e Khalifa Haftar contendersi il dominio di questo grande e ricco Paese nordafricano.

Negli stessi attimi, le news sulla situazione libicavengono coperte da una partnership per il rifornimento di armi dall’Italia all’Egitto, Paese dove ancora, e da anni, pende per l’Italia la delicata ‘questione Regeni’, con l’Egitto accusato di sponsorizzare le forze del generale Haftar, Paesedove oggi è operativo uno dei giacimenti petroliferi più grandi al mondo scoperto e messo in produzione da ENI (si chiama Zohr).

Non bastasse, arriva la notizia che in poche ore viene confermato un via vai di viaggi aerei tra la Libia e i Paesi del sud America, ipotizzando complotti affaristici ed economici, nonché una possibile via di fuga del generale Haftar da una Libia vincente sotto le forze del premier di Tripoli al-Sarraj, insistendo su una possibile richiesta di aiuto al Venezuela e alle politiche di ugual veduta del Presidente Maduro.

Ma cosa sta succedendo in Libia? E’ forse pensabile che fino ad adesso la situazione siastata normale, e che la veraesplosionedel conflitto si attenda a giorni, se non a ore?

Sicuramente per mesi abbiamo pensato che la Libia sarebbe stato per tanto tempo un Paese off-limit, ma oggi la cosa che sorprende di più è quella che le vere manovre politiche, economiche e di guerra -una guerra più su carta che di azione militare- si stiano combattendo in questi giorni, però con degli attori che stanno uscendo allo scoperto: diversi Paesi che vogliono essere presenti per poi spartirsi le risorse sia di ricostruzione del Paese, che, ovviamente, quelle petrolifere, se non nel complesso energetiche.

L’attenzione oggi deve essere massima per chi come noi di FederPetroli Italia osserva da anni e partecipa a quell’osservatorio internazionale ed industriale libico.

Abbiamo parlato di Turchia, e non è un mistero che sulla carta Ankara ha già preso dominio contrattuale su alcuni cantieri Offshore nelle acque libiche; ci sono poi gli Emirati Arabi Unitiche, sponsorizzando in ombra uno dei due leader della Libia, hanno giocato le proprie carte per quando si dovrà fare la conta dei vincenti e dei perdenti; l’Egitto, che, in una veste istituzionale di Paese ‘quasi’ neutrale, ha fatto capire che è presente e non si tirerà indietro; la Russia di Vladimir Putin, che nella Libia ha sempre sperato; ci sono, infine, gli Stati Uniti d’Americache in Libia hanno adottato un low-profile mandando avanti quell’Europa fragile ed impotente in una contesa troppo difficile da gestire e dove le parti in gioco necessitano di una trasversalità di dialogo e di accordi che Bruxelles, per forze di cose, non riesce a mantenere e ad instaurare.

In questo momento qualcuno inneggia alla politica di allarme dei migranti verso l’Italia, un espediente per confondere le idee e le preoccupazioni di qualche Cancelleria europea se non quella italiana, ma il vero problema non sono dieci barconi che arrivano sulle coste italiane.

La situazione continua a complicarsi, ed è proprio di qualche ora fa la notizia del rinvenimento di fosse comuni con decine di morti e corpi bruciati a circa 80 km da Tripoli. Le Nazioni Unite stanno già provvedendo all’invio di loro investigatori che procederanno alle indagini con la Polizia nazionale libica.

Tutti inneggiano alla TREGUA, una tregua cantata e sventolata, ma che ad oggi non ha nessun effetto di stabilità e che non riesce a confondere le idee della Comunità Internazionale, perché la Libia, ci si vuol credere o no, in questo momento, come tempo fa, vale più di tutto il Medio Oriente per l’industria e gli appetiti economici internazionali.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore

Michele Marsiglia è presidente della FederPetroli Italia. Da più di 20 anni si occupa di progetti strategici nell’Oil & Gas internazionale. Oltre agli studi Economici Aziendali, durante la Crisi Asiatica del 1997 perfeziona la propria esperienza alla Borsa di New York (New York Stock Exchange) sulle analisi dei principali Mercati Finanziari internazionali con particolare riferimento agli strumenti derivati Futures, scambiati sulla piazza merci di Chicago. Inizia la sua carriera negli Approvvigionamenti Strategici in Outsourcing, approdando dopo alcuni anni all’Agip Petroli (oggi ENI Group) per poi gestire alcuni processi di sviluppo per importanti Raffinerie e Società Petrolifere. Da anni la sua figura è chiamata a rappresentare aziende dell’indotto industriale per Agreement strategici e di Relazioni. Fondamentale il suo coinvolgimento in Libia e in parte del Medio Oriente con particolare riferimento ai nuovi giacimenti di petrolio e gas Offshore e Onshore. Fu l’unico membro con FederPetroli Italia a relazionare in Audizione alla Camera dei Deputati con l’allora A.D. di ENI Paolo Scaroni sulla delicata situazione della nascente crisi libica nel 2011 e la verifica degli Asset Strategici nel paese nordafricano. Ha dato vita nel 2009 a “Operazione Trasparenza” iniziativa per spiegare nel nostro paese che cosa vuol dire Petrolio e Gas. E’ Consulente di Direzione ed Advisor Board per i Rapporti Istituzionali di importanti aziende petrolifere e del Non-Oil. Docente in diversi corsi di specializzazione (post diploma e post-laurea) con collaborazioni in diverse Università. Membro di Comitati Scientifici negli Organismi di studio geopolitico, da anni affronta le tematiche del Medio Oriente e del Continente Africano focalizzando l’interconnessione delle dinamiche economiche, politiche e del dialogo interreligioso nonché esperto delle nuove tecniche di ricerca petrolifera attraverso il Fracking, sviluppate principalmente negli U.S.A. È chiamato come relatore a conferenze e seminari in ambito internazionale, oltre ad essere presente con propri articoli e pareri tecnici sulla principale stampa nazionale e straniera. Complessivamente è autore di numerose pubblicazioni (papers, articoli), il suo nome appare spesso in articoli pubblicati sui principali media internazionali e nazionali, è spesso ospite in trasmissioni televisive e radiofoniche. Definito da tanti un’abile lobbista, in realtà ha sempre dichiarato: ‘’….prendo caffè in giro per il Mondo e stringo mani…...tutto qui’’.