martedì, Luglio 16

Libia, Mafia nigeriana nel traffico di migranti al di là e al di qua del Mediterraneo Le testimonianze delle vittime; il ruolo dei nigeriani nella gestione degli immigrati in Libia al fianco delle milizie e in proprio in Italia

0

Era solo questione di tempo,  la realtà di cosa veramente vi sia dietro il dramma della immigrazione clandestina sta progressivamente affiorando.  Dopo che le potenze occidentali hanno abbattuto l’unico fattore di stabilità nel nord Africa e Africa Occidentale, il regime del Colonnello Muhammar Gheddafi, la Libia è diventata un Paese in mano alle milizie e ai terroristi che si combattono tra di loro.

Per finanziarsi si dedicano ad ogni traffico illegale, dalle armi, che vendono ai gruppi terroristici in Nigeria, Magreb e Somalia, alla droga, fino ad arrivare al grande ed orribile business di esseri umani in cui si inserisce anche la vendita di schiavi. Un business in cui sono coinvolte anche le tribù del Fezzan  -Tebu, Tuareg e Awlad Suleiman, dedite alla tratta degli schiavi, con cui il Governo italiano, nel 2017, ha stretto un patto di cooperazione per fermare i flussi migratori.

Con le stesse logiche che regolavano il traffico di schiavi dall’Africa al Nuovo Mondo, anche il traffico di esseri umani in Libia vede la collaborazione di neri africani che accettano di collaborare con i trafficanti e le milizie, infliggendo disumane violenze ai loro ‘fratelli’ pur di fare lucro. Le testimonianze raccolte da alcuni immigrati rivelano un modus operandi degli immigrati nigeriani che potrebbe nascondere anche un tentativo della mafia nigeriana di entrare nel business dei moderni schiavi.

Quando arrivai alla frontiera libica il trasportatore sudanese che aveva organizzato il viaggio da Gedaref, ci fece scendere informandoci che dovevamo aspettare dei suoi colleghi libici. Lo sponsor che finanziava la mia attraversata mi aveva avvertito che vari agenti si sarebbero occupati del lungo viaggio. Ad ogni tappa dovevo contattare telefonicamente lo sponsor che avrebbe provveduto a pagare il prezzo del nuovo tragitto. Dal Sudan alle coste italiane tre furono i trasportatori. Il primo sudanese che garantì il tragitto da Gedaref alla frontiera libica. Il secondo (nigeriano) che garantì il viaggio dalla località di smistamento migranti di cui non sono tenuto a rivelare alla costa libica, il terzo (libico) dalla costa libica a quella italiana. L’ultimo trasportatore non ci fece raggiungere la costa italiana, limitandosi ad abbandonarci su un consumato gommone in mare aperto con una sola bottiglietta d’acqua a testa.  Mi ricordo che protestammo. Le proteste furono immediatamente soffocate dagli uomini del battello che ci avevano costretti a scendere sul gommone. Ci puntarono i Kalashnikov in faccia e capimmo che ogni tentativo di far rispettare il contratto portandoci fino in Italia si sarebbe risolto in una tragedia. Fummo recuperati dopo due giorni da una nave di Save The Children. Oltrepassata la frontiera con la Libia io e i miei compagni occasionali del viaggio fummo accolti da un nigeriano scortato da miliziani Tuareg. Ci portarono in un villaggio e ci dissero di contattare i nostri sponsor per il pagamento del viaggio fino alla costa vicina a Tripoli. Attendemmo dieci giorni prima che tutti i pagamenti venissero effettuati, tramite un sistema parallelo di trasferimento denaro simile a Western Union ma gestito da commercianti arabi. Un sistema che non rientra nel circuito finanziario ufficiale. Durante questi dieci giorni mangiammo poco e bevemmo lo stretto necessario. Un pranzo frugale costava 15 dollari mentre una bottiglietta d’acqua 4 dollari. Due ragazze africane che erano con noi furono scelte dal nigeriano che le invitò a risiedere nella sua baracca. In seguito le ragazze mi raccontarono che erano state costrette a prestazioni sessuali non protette in cambio di cibo e acqua.  Quando tutti i pagamenti furono effettuati ci radunarono all’alba in attesa di un camion che ci avrebbe trasportato a destinazione. Notai l’arrivo di una Land Cruiser bianca scortata da due pick-up pieni di miliziani Tuareg armati. Dalla Land Cruiser uscì un Tuareg ben vestito che parlò con il nigeriano. Capii che il nigeriano stava gestendo quel posto di smistamento di immigrati per conto del ricco Tuareg.  Durante il viaggio temevo che il camion venisse intercettato da milizie opposte  e venisse attaccato. Incontrammo vari posti di blocco, ma nessun tentò di bloccare il camion. Capii che parte del denaro versato per il tragitto fino alla costa libica veniva distribuito alle varie milizie che controllavano i posti di blocco indipendentemente se fossero amiche o ostili ai Tuareg. Il potere dei soldi affievolisce le ostilità. Se tutti sono in un qualche modo coinvolti nel business del traffico di esseri umani, questo può continuare al di là degli schieramenti e della lotta fratricida per il controllo della Libia. La guardia costiera di Tripoli scortò il battello dei trafficanti che ci trasportava fino alla fine delle acque territoriali libiche, per poi rientrare“. Questa la testimonianza di M., un eritreo in Italia da un anno con regolare statuto di profugo. Il suo viaggio, iniziato con l’attraversamento clandestino tra Eritrea e Sudan presso la frontiera di Kassala, durò 8 mesi.

Sono arrivato in Libia oltrepassando la frontiera algerina. La rotta che attraversa l’Algeria è più lunga e per questo meno frequentata rispetto alla rotta che attraversa il Niger. E’ anche la più dura, perché attraversa il deserto, ma evita i controlli di frontiera. Durante l’attraversata, durata 4 giorni, non incontrammo nessuna pattuglia di pPolizia algerina. Una volta giunti alla frontiera ci dissero di continuare a piedi dandoci le indicazioni per raggiungere il posto di raccolta in una vicina cittadina libica. Una volta giunti io e i miei compagni di viaggio (10 in  tutto) fummo sottoposti per giorni a degli interrogatori dalle milizie libiche. Sospettavano che lavorassimo per il Governo algerino e continuamente ci chiedevano perché avessimo scelto una rotta migratoria poco utilizzata. Dopo gli interrogatori dovevamo attendere il trasporto a Tripoli, visto che il pagamento era stato già effettuato dopo aver contattato i nostri sponsor una volta giunti in Libia.  Al contrario fummo organizzati in squadre di lavoro e ci costrinsero a lavorare in cambio di scarse razioni di cibo e acqua per quasi un anno prima di organizzare il convoglio che ci portasse sulla costa. Eravamo sorvegliati da miliziani armati, mentre il responsabile delle squadre di lavoro era un nigeriano. Lavorammo per degli imprenditori edili libici. Il nigeriano ci accompagnava ogni giorno al cantiere presso un’altra città, sovraintendeva i lavori e ci riaccompagnava alle nostre baracche. Un giorno senza preavviso ci dissero che ci avrebbero portati alla costa. E così fu. Durante questo periodo di lavori forzati sparì un maliano che aveva avuto un diverbio con il nigeriano che ci controllava. Non lo rivedemmo più. Il nigeriano erano solito prendersi delle ragazze per la notte. Evitava di prendere le ragazze mussulmane perché i miliziani libici non volevano. Sceglieva solo delle ragazze del Ghana. Una di esse rimase incinta e chiese di abortire. Fu portata da una donna libica per l’aborto“, questa la testimonianza resa da A. Mohammed di cittadinanza senegalese. Mohammed è giunto da sei mesi in Italia e sta programmando di trasferirsi in Francia appena terminerà il programma di accoglienza SPAR.

Altre testimonianze raccolte confermano il ruolo dei nigeriani nella gestione degli immigrati in Libia al fianco delle milizie. Sembra che i vari capi clan o signori della guerra, non si coinvolgano direttamente nella gestione degli immigrati, spesso usati anche come temporanea mano d’opera gratuita, affidandoli a degli uomini di fiducia nigeriani e limitandosi a mettere a loro disposizione dei miliziani armati per garantire la sicurezza e l’ordine.

Alcuni testimoni pensano che i nigeriani si mettano al servizio delle milizie libiche per un determinato tempo per garantirsi il passaggio gratis fino alle coste italiane. Altri sospettano che i nigeriani si siano associati ai libici nella gestione del traffico di esseri umani. Potrebbero essere vere entrambe le ipotesi. La ventilata ipotesi che dei nigeriani siano associati alle milizie libiche trova conferma nel recente arresto avvenuto ad Agrigento di Johan Ogais detto Rambo, un 25enne nigeriano.
Ogais è giunto in Calabria nel febbraio 2017 dove fu ospitato presso il centro di accoglienza Cara  S. Anna nell’isola di Capo Rizzuto vicino Crotone, Calabria, prima di trasferirsi in Sicilia. L’arresto è stato ordinato dal Procuratore di Crotone che contattò il suo collega ad Agrigento in quanto in quella città alcuni immigrati avevano segnalato la presenza di Rambo. L’ordine di arresto fu emesso dal ufficio anti-mafia e anti-terrorismo di Palermo.

Le indagini su Rambo furono aperte dal Procuratore di Crotone, a seguito di quattro denunce di immigranti africani che identificarono il nigeriano come ilcaporaleche gestiva i lavori forzati e le torture subite durante il loro lungo periodo di permanenza in Libia in stato di semi schiavitù prima di continuare il loro viaggio per la ‘terra promessa’. Johm Ogais è stato arrestato e accusato di essere coinvolto in un racket mafioso per il traffico di esseri umani in Libia. Su di lui pendono gravi capi di accusa: omicidio, stupro e tortura contro dei richiedenti asilo e immigrati schiavizzati al loro arrivo in Libia. Lo scorso marzo è stato arrestato Sam Eri Ackom, di nazionalità ghaniana sospettato di essere stato il complice di Rambo in Libia.

Le testimonianze raccolte da immigrati protetti da anonimato coincidono con quelle raccolte da varie organizzazioni internazionali in difesa dei diritti umani, tra le quali Amnesty International, e rivelano una acciaccante gestione dei flussi migratori in Libia. Un sistema organizzato di sfruttamento della mano d’opera gratuita dove miliziani libici e caporali nigeriani costringono gli immigrati che hanno già pagato tutte le tappe della traversata del Mediterraneo a lunghi periodi di semi schiavitù, mettendoli al servizio degli imprenditori libici. Altri immigranti  subiscono sorti peggiori. Vengono arrestati e si richiede un riscatto alle loro famiglie. In caso di mancato pagamento vengono venduti come schiavi o uccisi.

Il ruolo dei nigeriani in questo orrendo traffico di esseri umani sembra essere un fenomeno mafioso strutturato piuttosto che singole complicità per ottenere  la gratuità della traversata. Come fa notare un articolo recentemente pubblicato su sito di informazione africana Sancara, la criminalità nigeriana in Italia e in altri Paesi, Libia compresa, si è strutturata in una vera e propria organizzazione mafiosa.

«L’espansione della mafia nigeriana, come ha più volte sottolineato l’UNODC (Ufficio Anti Droga e Criminalità delle Nazioni Unite), ha varcato da tempo i confini della Nigeria ed è oramai diffusa, con interessi criminali diversi, in varie aree del mondo con in testa l’Italia, poi Canada, Germania, Spagna, Portogallo, Belgio, Russia, Brasile e Giappone. La criminalità nigeriana affonda le sue origini all’interno del mondo universitario della Nigeria ed in particolare nel cultismo e nelle confraternite. Quando nel 1952, sette giovani studenti universitari (tra di loro si chiamavano i magnifici sette), tra cui il futuro Premio Nobel (1986) per la Letteratura Wole Soyinka fondarono la Pyrates Confraternity (anche nota come National Association of Seadogs) all’interno dell’University Collage di Ibadan non pensavano certo di mettere le radici ad una delle più potenti e aggressive associazioni a delinquere del mondo», spiega l’articolo pubblicato su Sancara Blog.

 La mafia nigeriana si è radicata in Italia a partire dal 2003, grazie agli immigrati giunti nel nostro Paese. Le prime tracce della mafia nigeriana si registrano a Castel Volturno, Caserta, divenuta la roccaforte dell’organizzazione, e a Verona. I settori gestiti riguardano i mercati della prostituzione e delle droghe. La prostituzione di migliaia di donne nigeriane sembra rientrare in un cosciente contratto tra le parti.

Un contratto che le donne stipulano in Nigeria pur di giungere in Italia accettando per un determinato periodo di tempo di diventare prostitute per restituire la somma anticipata  per il loro viaggio. Una volta saldato il debito migratorio sono libere di restare in Italia o di immigrare in altri Paesi europei. Spesso le ex prostitute nigeriane affrancatesi entrano nel business procurando ‘carne fresca’ dalla Nigeria e dividendo i profitti scaturiti da queste moderne schiave del sesso.

Secondo alcuni analisti nigeriani, le giovane ragazze che vogliono immigrare in Italia (spesso utilizzata come destinazione provvisoria in attesa di stabilirsi in altri Paesi europei) sono consapevoli del periodo di prostituzione che dovranno fare e firmano i relativi contratti per farsi pagare il viaggio. Questo spiegherebbe il fatto  che rari sono i casi di prostitute nigeriane che denunciano alla Polizia i loro sfruttatori.

Il mercato della droga, inizialmente è stata gestita per conto della Camorra. I nigeriani erano utilizzati come mano d’opera per lo spaccio nelle strade. Negli ultimi anni la mafia nigeriana è riuscita a sganciarsi da questa posizione di sudditanza, stipulando contratti di collaborazione con la criminalità organizzata italiana. Il cartello mafioso nigeriano ora riesce ad operare anche a livello indipendente, pagando un pizzo alla Mafia italiana, una sorta di ‘affitto’ del territorio su dove avviene lo spaccio, stesso ‘affitto’ che viene pagato alla Mafia per far prostituire in strada le ragazze nigeriane. In cambio la mafia nigeriana garantirebbe un ingente flusso di droghe da Brasile, Colombia, Pakistan e Thailandia che transitano per la Nigeria.

Nel 2011 l’Ambasciata nigeriana a Roma conferma ufficialmente che gruppi di nigeriani appartenenti a sette segrete proibite dal governo in Nigeria sono riusciti ad entrare in Italia e hanno fondato vere e proprie organizzazioni criminali. Il business della prostituzione sembra andare a gonfie vele. I dati sull’immigrazione dimostrano una escalation di nuovi arrivi di ragazze nigeriane che finiscono in strada. Nel 2013 furono registrate  433 giovani donne nigeriane praticanti la prostituzione in Italia. Nel 2016 le ragazze hanno raggiunto quota 11.009 e nel primo semestre del 2017, cinquemila nuove prostitute sono giunte  in Italia dalla Nigeria.

La mafia nigeriana sta tentando di allargare le zone di azione. Nel 2016 tentò di controllare il territorio a Bologna a scapito della fiorente mafia cinese. Il tentativo fu stroncato con il sangue. In un giro di quattro mesi furono ritrovati nelle strade di periferia vari cadaveri di nigeriani. La Polizia non è mai riuscita a collegare queste evidenti esecuzioni con la mafia cinese, sospettata di controllare gran parte dei traffici criminali nella città emiliana. Impossibilitati a strutturare una rete mafiosa a Bologna, alcuni nigeriani agiscono a livello personale, come nel caso di Desmond Newthing, che il 4 gennaio 2017 uccise a coltellate l’imprenditore Lanfranco Chiarini cercando di far sparire il cadavere in un incendio dell’abitazione della vittima. L’assassino è frutto di una rapina di 1.000 euro finita in tragedia. Newthing fu arrestato una settimana dopo il crimine e lo scorso luglio condannato. La mafia nigeriana ora tenta di radicarsi nel ferrarese. Il quartiere Giardino, a Ferrara, sarebbe diventato un territorio della mafia nigeriana dedita allo spaccio di droga e prostituzione. Le attività criminali ora sono oggetto di una inchiesta del Prefetto.

Le attività della mafia nigeriana in Italia e quelle in Libia potrebbero essere tra loro legate e rientrare in un complesso network criminale che vede come protagonisti anche vari e potenti cartelli mafiosi italiani implicati nella tratta degli esseri umani dalla Libi. Iniziano a sorgere sospetti che le Mafie italiane, tramite mediazione della mafia nigeriana, siano entrare  anche in contatto con gruppi terroristici islamici operativi in Libia e con il ISIL, dando il via a lucrosi quanto mortali affari. I presunti legami tra mafia italiana, nigeriana, miliziani libici e terroristici islamici sta  progressivamente attirando l’attenzione della Magistratura italiana e dell’Interpool. Indagini in questa direzione potrebbero essere state già avviate, ma coperte da comprensibile riservatezza e segreto.

Tutti questi attori che operano tra Libia e Italia sono inseriti nella caotica gestione dei flussi migratori che in questi ultimi mesi sembra essere sfuggita da ogni controllo governativo. Dopo aver colpevolizzato le ONG che soccorrono gli immigrati nel Mediterraneo montando una campagna mediatica tesa a farle passare peggiori dei trafficanti di esseri umani, ora il governo tenta di coprire le rivelazioni fatte dalla giornalista free lance Francesca Mannucchi, ritenute fondante dalla maggioranza dei grandi media occidentali.

Rivelazioni dirompenti: 5 milioni di dollari pagati dal governo italiano ai trafficanti libici per impedire loro di spedire i migranti sulle coste italiane. Collaborazione con il capo della Guardia Costiera libica della zone di Zawihiya, Abdurrahman Milad, detto Al-Bija, incaricato di contrastare il traffico quando tutti i servizi di intelligence europei (italiano compreso) sanno del suo coinvolgimento nel traffico di esseri umani. Il governo italiano sta tentando di ignorare queste  accuse che, se confermate, lo coinvolgerebbero direttamente nella violazione dei diritti umani e crimini contro l’umanità che si consumano quotidianamente in Libia. Al contrario afferma che la gestione dei flussi migratori sia esemplare. Nel fine settimana Gentiloni a Cerrubbio ha affermato: «Abbiamo dimostrato che possiamo ridurre i flussi migratori senza rinunciare ai principi di umanità e di solidarietà».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore