domenica, Settembre 20

L’Europa gela, il Polo Nord no Si sta registrando un inverno più caldo del solito. L’anomalia è tale da preoccupare diversi ricercatori

0

Il freddo che sta imperversando per l’Europa e in particolare nel nostro Paese da giorni è dovuto, almeno in parte, a ciò che sta accadendo dove il freddo è di casa, ossia al Polo Nord. Qui infatti si sta registrando un inverno più caldo del solito.

L’anomalia è tale da preoccupare diversi ricercatori, che stanno cercando di capire se le temperature al Polo Nord sopra la media di questo periodo siano un caso o se siano legate ai cambiamenti climatici.

La stazione meteorologica di Capo Morris Jesup in Groenlandia, la scorsa settimana ha registrato per quasi 24 ore una temperatura sopra gli 0 °C, con una massima che ha raggiunto i 6,1 °C sabato 24 febbraio. È inoltre il terzo anno di fila in cui sono registrate massime più alte del normale nell’inverno artico.

Variazioni tra anno e anno sono comuni, ma il fatto che siano state registrate per tre volte di fila pone molte domande sullo stato di salute del Polo Nord e più in generale del nostro pianeta. Il fatto che si accumuli meno neve, fa sì che il ghiaccio sia meno spesso e con l’arrivo della stagione più ‘calda’, c’è il timore che si possa assottigliare ancor di più.

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore