domenica, Ottobre 25

Lesotho, vince Thabane ma serve una coalizione

0

Il partito del primo ministro del Lesotho, Thomas Thabane, ha sconfitto il partito del rivale Pakalitha Mosisili alle elezioni. Il partito di Thabane ha portato a casa 48 degli 80 seggi. Il partito di Mosisili è arrivato secondo con 30 seggi.

L’ABC deve ora formare una coalizione per governare. È la terza elezione in tre anni, a causa del’aspro conflitto politico in atto nel Paese per prendere il potere. Il Lesotho ha vissuto diversi colpi di stato dall’indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1966.

L’ABC dovrebbe formare una coalizione con tre altre parti per ottenere la maggioranza di 61 seggi necessaria per formare un governo, riferisce l’agenzia di stampa ‘Reuters‘.

Le votazioni sono state regolari, fanno sapere, ma la Commissione elettorale e gli osservatori della Comunità per lo sviluppo dell’Africa australe (Sadc) hanno chiesto spiegazioni sulla presenza di soldati intorno a molti seggi nel corso delle elezioni. «Il Paese, gli elettori e anche gli osservatori indipendenti sono stati sorpresi (…) pare che alcuni elettori siano stati intimiditi», ha detto il portavoce della Commissione elettorale indipendente del Lesotho Tuoe Hantsi.

Il ministro degli Esteri della Tanzania, Augustine Mahiga, capo di una delegazione di osservatori incaricati dalla Sadc, ha espresso le stesse preoccupazioni: «Cercheremo una spiegazione per conoscere il motivo per cui i soldati sono stati dispiegati intorno ai seggi elettorali».

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.