domenica, Aprile 21

L’economia di guerra Usa e le sue pericolose implicazioni

0
1 2


Nel settembre 2016, il governo Usa guidato da Barack Obama e l’esecutivo israeliano hanno siglato un memorandum d’intesa in base al quale il governo di Washington si è impegnato a fornire qualcosa come 38 miliardi di dollari di finanziamenti a Tel Aviv entro la finestra temporale che va dal 2019 al 2029, vincolati all’acquisto di armamenti fabbricati dal complesso militar-industriale statunitense. Si tratta del più imponente pacchetto di aiuti militari mai concesso dagli Usa ad un altro Paese, da considerare come il prezzo pagato da Washington per l’accordo sul nucleare iraniano. Lo ha ricordato il segretario alla Difesa Ashton Carter in occasione della visita in Israele del dicembre 2016, durante la quale è stata celebrata la consegna all’aeronautica militare dello Stato ebraico dei primi due caccia F-35.

Sebbene, come denunciato dai portavoce dell’industria bellica israeliana, una parte sostanziosa di quei 38 miliardi di dollari che assicurano allo Stato ebraico di mantenere la supremazia militare nel quadrante mediorientale andrà a foraggiare la concorrenza statunitense a scapito dei produttori interni, d’altro canto è pur sempre vero che l’accordo consentirà a Israele di affilare le armi in vista di un nuovo conflitto contro Hezbollah (dato per scontato da più di un addetto ai lavori) e liberare risorse da impiegare in altri settori, come ad esempio la moltiplicazione degli insediamenti nei territori occupati e il potenziamento delle infrastrutture che proteggono i coloni.

Ma Israele non è stato l’unico grande acquirente di armi ‘made in Usa’; sotto l’amministrazione Obama, gli Stati Uniti si sono impegnati a fornire all’Arabia Saudita strumenti militari – tra cui missili, elicotteri e navi da guerra di piccolo tonnellaggio – per un controvalore di 115 miliardi di dollari. I fucili mitragliatori, le munizioni, i missili, gli elicotteri, le navi da guerra di piccolo tonnellaggio, ecc. consegnati in base ai 42 accordi bilaterali sottoscritti durante gli otto anni di mandato di Obama sono serviti a Riad da un lato a rifornire di armi una parte assai considerevole di gruppi jihadisti operanti in Siria e Libia, e dall’altro a condurre la disastrosa campagna militare in Yemen, dove gli attacchi sauditi hanno provocato effetti pesantissimi sulla popolazione civile.

Nonostante ciò, una delle prime mosse compiute da Donald Trump da presidente è stata quella di firmare un nuovo accordo ai sensi del quale gli Usa consegneranno a Riad forniture d’armi per 350 miliardi di dollari nel corso dei prossimi dieci anni. Armi che potrebbero andare a potenziare ulteriormente la forza d’urto delle bande islamiste impegnate a destabilizzare i governi mediorientali sgraditi alla famiglia reale saudita o, nel caso peggiore, ad alimentare un conflitto con l’Iran, storico nemico giurato di Riad.

Intese come quelle raggiunte tra gli Stati Uniti, Israele e l’Arabia Saudita risultano particolarmente eloquenti circa la fortissima capacità d’incidere sull’andamento della politica internazionale e della definizione degli stessi equilibri nazionali acquisita nel corso dei decenni dall’industria militare Usa. Una deriva che il presidente Dwight Eisenhower aveva intravisto e denunciato già nel lontano 1961, quando, durante il suo discorso di addio alla nazione, dichiarò che «un elemento vitale nel mantenimento della pace sono le nostre istituzioni militari. Le nostre armi devono essere poderose, pronte all’azione istantanea, in modo che nessun aggressore potenziale possa essere tentato dal rischiare la propria distruzione […]. Questa congiunzione tra un immenso corpo di istituzioni militari ed un’enorme industria di armamenti è un fatto nuovo nell’esperienza americana. L’influenza del potere militare nell’economia, nella politica ed anche nella spiritualità viene avvertita in ogni città, in ogni organismo statale, in ogni ufficio del governo federale. Noi riconosciamo il bisogno imperativo di questo sviluppo. Tuttavia, non dobbiamo mancare di comprendere le sue gravi implicazioni. La nostra filosofia ed etica, le nostre risorse ed il nostro stile di vita vengono coinvolti; la struttura portante della nostra società. Dobbiamo guardarci le spalle contro l’acquisizione di influenza, sia palese che occulta, da parte del complesso militare-industriale. Il potenziale per l’ascesa disastrosa di poteri che scavalcano la loro sede e le loro prerogative esiste ora e persisterà in futuro. Non dobbiamo mai permettere che il peso di questa combinazione di poteri metta in pericolo le nostre libertà o processi democratici. Non dobbiamo presumere che nessun diritto sia dato per garantito. Soltanto un popolo di cittadini allerta e consapevole può esercitare un adeguato compromesso tra l’enorme macchina industriale e militare di difesa ed i nostri metodi pacifici ed obiettivi a lungo termine in modo che sia la sicurezza che la libertà possano prosperare assieme».

All’epoca il cui l’ex generale pronunciava queste parole, negli Stati Uniti non era ancora chiaro quale prezzo la nazione avrebbe dovuto pagare per la mancata riconversione dell’economia al tempo di pace che si sarebbe dovuta attuare alla fine della Seconda Guerra Mondiale, come più volte asserito dall’economista Seymour Melman. Durante il conflitto, l’industria militare aveva assorbito una quota ragguardevolissima della forza lavoro statunitense e nelle stesse fabbriche di aziende operanti in settori civili come la General Motors e la Ford la produzione era stata orientata a sostegno dello sforzo bellico.

Fu questo poderoso sviluppo industriale trainato dalla Seconda Guerra Mondiale – e non il New Deal –  a consentire agli Stati Uniti di azzerare la disoccupazione e superare la ‘Grande Depressione’, ma ciò aveva indistricabilmente legato la crescita economica del Paese al cosiddetto ‘complesso militar-industriale’, un potentissimo oligopolio formato essenzialmente dai colossi Lockheed Martin, Raytheon, General Dynamics, Boeing e Northrop Grumman attorno a cui ruotano 100.000 aziende che impiegano quasi 4 milioni di lavoratori.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore