giovedì, Ottobre 29

L’economia circolare: una realtà ‘necessaria’

0

Le persone producono migliaia di miliardi di chili di spazzatura ed è inevitabile domandarsi se il riciclaggio dei rifiuti può rivelarsi redditizio. La Banca Mondiale stima che entro il 2025, un essere umano produrrà circa 5 miliardi di tonnellate di rifiuti ogni anno, ovvero circa 1/36 di tutta la biomassa del pianeta. E, certamente, questo non è un futuro sostenibile.

Nel tentativo di sistemare le cose prima che sia troppo tardi, un numero crescente di economisti promuove e sostiene un nuovo concetto di economia, introdotto da economisti ambientali britannici nel 1990: l’economia circolare. Ispirata dalla natura e dal suo modo di rimediare a effetti collaterali dannosi, l’economia circolare è idealmente progettata per produrre la minor quantità di rifiuti possibile o inquinamenti di ogni sorta, basandosi sull’idea che i composti organici possano essere restituiti alla biosfera, riproposti e riutilizzati con la massima efficienza. Sembra un compito arduo, ma l’economia circolare potrebbe rivelarsi non solo un rimedio per i problemi del futuro, ma anche una vera e propria opportunità finanziaria.

Nel 2015, anche l’Unione europea ha adottato un pacchetto di economia circolare, con un investimento di 5,5 miliardi di dollari, che prevede una serie di sforzi per sostenere l’idea di collegare la fine del ciclo di vita di un prodotto con l’inizio di un nuovo ciclo di vita del prodotto, come accade in natura. Negli ultimi anni la Cina ha fatto proprio il concetto di economia circolare, facendo dei rifiuti elettronici parti riutilizzabili in nuovi mercati. Mentre in Francia, la casa automobilistica Renault è uno dei principali promotori di concetti economia circolare: molte delle vetture prodotte sono riciclabili al 90 per cento.

Se dunque i principi dell’economia circolare conquistano sempre maggiore consenso, potremmo forse essere in grado di scongiurare quelle fosche previsioni sul nostro pianeta? Ad ogni modo, il concetto rivoluziona la catena lineare dell’economia e sfrutta al massimo le risorse, risparmiando e non inquinando.

(Video tratto dal canale Youtube: Seeker Daily)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore