sabato, Maggio 30

L'eclissi di sole, tra riti tribali preghiere

0

Quattro minuti di spettacolo naturale. Grande entusiasmo, riti tribali e preghiere hanno accompagnato l’eclissi totale di sole che ha oscurato il cielo dell’Indonesia e dell’Oceano Pacifico. Complice la fase di super-luna, (cioè la luna che appare più grande perché più vicina alla Terra), il disco del nostro satellite ha oscurato ancora di più il Sole. Il fenomeno naturale è considerato nefasto in alcune culture. I Dayak del Borneo, ad esempio, hanno svolto rituali tribali per evitare la scomparsa della vita, simboleggiata dal sole.

Una delle prime città interessate è stata Palembang, a Sumatra. Poco dopo, l’osservazione è stata possibile a Giakarta e in altre località. L’evento ha richiamato anche turisti occidentali. Pure in Tailandia, Birmania, Micronesia, Australia e Giappone l’eclissi è stata visibile, almeno parzialmente. E per chi non c’era, la Nasa ha diffuso le immagini sul web in tempo reale.
La Luna ha cominciato ad interporsi tra la Terra e il Sole alle 6:19 ora indonesiana (quando in Italia erano circa le 2 di notte) per raggiungere la fase dell’eclissi totale circa un’ora più tardi, oscurando completamente il cielo di alcune regioni dall’isola di Sumatra fino all’arcipelago delle Molucche.
La prossima eclissi totale sarà il 21 agosto 2017, ma anche in quell’occasione non sarà visibile dall’Italia.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore