giovedì, Dicembre 12

Ladri di simboli, nel Paese di 5 mln di poveri

0
1 2


Tra un battibecco e l’altro all’interno del Parlamento c’è chi come il vice ministro dell’Economia, Enrico Zanetti, fa ‘bagagli e burattini’ e lascia il partito. E’ successo nel pomeriggio durante la Direzione Nazionale di Scelta Civica, dove, dopo essersi visto respingere la richiesta di creare con Ala, il partito dei lunigianesi Sandro Bondi e Denis Verdini, un ‘polo italiano dell’Alde’, ha deciso di abbandonare il partito e di portarsi via i simboli assieme a tre deputati.

Sembra non trovare pace la politica italiana ed a ‘tirarsi i capelli’ ci sarebbero anche Virginia Raggi e Roberta Lombardi. Le signore a cinquestelle, secondo alcune indiscrezioni, non si sarebbero mai viste di buon occhio tanto da far si che oggi Lombardi, membro di un mini direttorio volto a coordinare e supportare i lavori della prima cittadina Capitolina, abbandonasse il proprio incarico. Lombardi smentisce le voci in merito a dei dissapori con Raggi e su Facebook scrive «Mi spiace deludere coloro i quali in questo momento stanno parlando di liti, gelo o siluramenti rispetto al lavoro che tutti stiamo facendo su Roma. Non è così».

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore