giovedì, Maggio 23

L’Adorazione dei Magi restaurata

0
1 2


L’Adorazione dei Magi di Leonardo  da Vinci è tornata a riveder la luce. Avvolta  per anni dalla superficie scura e brumosa  accumulatasi col tempo, è finalmente  riapparsa nel proprio splendore grazie ad una paziente, delicata, e complessa opera di restauro compiuto all’Opificio delle Pietre Dure.  L’opera  è ora esposta al pubblico nella Galleria degli  Uffizi e lo sarà  fino al 24 settembre. E’ tornata in Galleria dopo che – tra le  polemiche – nel novembre del 2011, era stata  trasferita al laboratorio della Fortezza da Basso e sottoposta a numerose indagini diagnostiche,  poi nell’ottobre 2012, la decisione congiunta di intraprenderne il restauro.

Al di là dell’emozione che si prova davanti ad un capolavoro  come questo,  realizzato su  tavola di legno, che il Genio di Vinci iniziò nel 1481 ma l’anno dopo decise di andarsene da Firenze alla volta di Milano lasciandolo incompiuto,  merita  attenzione  il tema del restauro, poiché oltre a salvare un’opera eccezionale, rende possibile e una più precisa lettura del significato stesso dell’ opera.  Una ‘sfida’ come la definisce   Eike Schimdt, Direttore degli Uffizi , che i restauratori  han dovuto affrontare: infatti, si sono trovati di fronte ad una pittura con  diversi livelli di avanzamento: un cielo azzurro appena accennato, aree quasi di solo disegno; figure più costruite e rilevate con colori scuri, immagini sovrapposte ad altre, cancellazioni,  zone di ricerca spaziale e volumetrica. Insomma, Leonardo usava la superficie della tavola come un foglio del suo taccuino.

Interpretare un’opera così non era certo facile, ma soprattutto  per i restauratori non era una procedura comune confrontarsi con le idee continuamente in divenire di Leonardo, invece che con un lavoro finito:  pertanto non è azzardato affermare  – dichiara – che “l’operazione intrapresa all’Opificio delle Pietre Dure, sia per la sua delicatezza che  per il livello della sfida imposta, non è da meno del restauro del Tondo Doni di Michelangelo o del Cenacolo milanese in Santa Maria delle Grazie, dello stesso Leonardo» . Una sfida resa ancor più difficile dal fatto che il restauratore avrebbe dovuto confrontarsi con un’immagine  che non era compiuta nemmeno nella mente dell’artista che la generò, trattandosi di un’opera in divenire che presentava, alle sofisticate indagini condotte, vari tentativi, un coacervo di immagini che si affastellavano davanti agli occhi dell’osservatore durante la pulitura, testi e sottotesti, in un gioco di segni che sono sempre stati tracciati volontariamente sulla tavola e che esprimono l’incessante lavorio mentale dell’autore proprio nel momento stesso del suo operare.

Oggi, dopo l’opera di restauro, l’apparente mistero del lavoro leonardesco, dato  dalla superficie scura, nebulosa, sotto la quale si  affollavano figure indistinguibili, intente in gesti ed azioni non decifrabili,  sembra svelarsi davanti ai nostri occhi.  Vale la pena approfondire  quest’aspetto del restauro,  condotto, sotto la guida sapiente di Marco Ciatti, Sovrintendente dell’Opificio  delle Pietre Dure,  coadiuvato da Cecilia Frosinini, da Roberto Bellucci e Patrizia Riitano  ( per la superficie pittorica)  e da Ciro Castelli, Andrea Santacesaria  in collaborazione con Alberto Dimuccio  (supporto ligneo) e da coloro che hanno curato  documentazione fotografica, campagna diagnostica,  climatologica e di conservazione.

E’  attraverso il restauro che appaiono  più chiare la struttura dell’opera  e il significato che ad essa ha inteso dare l’artista. L’Adorazione dei Magi  fu commissionata a Leonardo nel 1481 dai canonici regolari di Sant’Agostino per l’altare maggiore della Chiesa di San Donato in Scopeto,  che si trovava su una piccola collina fuori  Porta Romana, vicino Firenze ( ora rintracciabile solo in uno degli affreschi di Giorgio  Vasari).  Pochi mesi  dopo però Leonardo se ne andò lasciando il dipinto incompiuto. I monaci ne attesero  invano il ritorno, poi  dopo 15 anni si decisero a commissionare a Filippino Lippi un’altra pala d’altare sullo stesso tema, attualmente esposta nella sala attigua a quella dell’ Adorazione restaurata.

Lo stesso Vasari dà testimonianza dell’opera di Leonardo affermando che «era in casa d’Amerigo Benci dirimpetto alla loggia dei Peruzzi» con il quale l’artista  aveva familiarità, finì in S.Marco e infine approdò agli Uffizi, dopo un periodo nella villa medicea di Castello. Quel lavoro gli fu commissionato, dati i legami stretti del padre, notaio, con i monaci di quella chiesetta.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore