sabato, Dicembre 7

La volata al Pallone d’oro 2019 A pochi giorni dalla decisione finale, il mondo del calcio aspetta con ansia la decisione della giuria di France Football che dovrà scegliere il vincitore del premio più desiderato da qualsiasi calciatore professionista

0

Come ogni fine anno, la volata per il Pallone d’oro è la protagonista della maggior parte dei titoli di giornale: in fin dei conti si tratta di una sfida tra più calciatori per il premio individuale più ghiotto e desiderato di tutti. Per chi non lo ricordasse, questo titolo è assegnato dalla rivista France Footballdal lontano 1956 al miglior giocatore dell’anno. Da quando a metà degli anni ’90 la sua assegnazione è stata estesa a calciatori nati fuori dall’Europa, si sono moltiplicati in maniera esponenziale i pretendenti. Dal 2008 al 2017 Cristiano Ronaldo e Lionel Messi se lo so divisi in parti uguali, collezionando cinque titoli a testa. L’anno scorso il duopolio è stato rotto da Luka Modrić, vincitore di questo premio dopo aver conquistato la Champions League con il Real Madrid ed essere arrivato secondo ai mondiali di Russia 2018 con la sua Croazia. Quest’anno, tuttavia, il centrocampista slavo non sarà neanche tra i trenta candidati al prestigioso premio, ed ecco così che si prospetta tutto un altro scenario nel quale i candidati principali stavolta sono tre.

Ai grandi protagonisti del calcio mondiale degli ultimi quindici anni, ossia Ronaldo e Messi, che spiccano come ovvi pretendenti,  si è aggiunto un altro calciatore il cui rendimento di quest’anno gli permette di aspirare al Pallone d’oro. Non sorprende se in questo momento i più prestigiosi siti di scommesse specializzate vedono Virgil van Dijk come grande favorito. Il difensore centrale olandese, quasi sconosciuto fino a due anni fa, è stato uno dei pilastri del Liverpool campione d’Europa nella stagione scorsa. Abilissimo nel posizionamento, nel fermare gli avversari e saper far ripartire immediatamente l’azione, l’olandese è un punto fermo di Jürgen Klopp, che lo ha fatto diventare il migliore nel suo ruolo in questo momento. Nonostante non sia riuscito a trionfare nella Nations League con la nazionale dei tulipani, perdendo in finale proprio contro il Portogallo di Cristiano Ronaldo, Van Dijk è comunque stato uno dei migliori giocatori di quest’anno, e l’aver vinto la Champions dopo aver rimontato al Barça il 3 a 0 dell’andata in una strepitosa notte di Anfield è stato un merito enorme. 

Il difensore dei Reds è dunque il grande rivale di Messi e Ronaldo nella grande bagarre per il grande riconoscimento individuale. Se da un lato l’argentino è stato il più continuo in quanto a rendimento ed è stato nuovamente capace di vincere la Scarpa d’oro (la sua sesta di sempre), il lusitano è stato abile a trascinare il Portogallo alla vittoria della Nations League. Per entrambi resta la delusione della Champions, il torneo più importante per una squadra di club, che invece ha rappresentato un grande trampolino per Van Dijk, che potrebbe essere il primo difensore a vincere il Pallone d’oro dopo Fabio Cannavaro, capitano dell’Italia che trionfò al mondiale di Germania 2006.

A pochi giorni dalla decisione finale, il mondo del calcio aspetta con ansia la decisione della giuria di France Football, da sempre l’ago della bilancia del premio più desiderato da qualsiasi calciatore professionista. 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore