giovedì, Marzo 21

La vittoria delle donne in Arabia Saudita L’erede al trono dei Saud è deciso ad andare avanti a tutti i costi con le riforme e parte dalla parità fra donne e uomini

0

A partire da giugno 2018 anche le donne saudite potranno finalmente guidare. A deciderlo il principe Mohammed bin Salman che in aperto contrasto con i religiosi ha rimosso uno dei divieti più odiosi in Arabia Saudita. E si tratta di una vera rivoluzione culturale nel Paese. E non solo.

L’erede al trono dei Saud è deciso ad andare avanti a tutti i costi con le riforme e per aprire anche all’Occidente parte dalla parità fra donne e uomini. A Riad decine di migliaia di persone si sono riversate nelle strade, donne e uomini assieme, a cantare e ballare.

Mohammed bin Salman ha lanciato un programma di riforme per modernizzare l’economia e uno dei punti cardine è aumentare la partecipazione femminile al lavoro. Oggi il tasso di occupazione per le donne è solo del 22%. L’impossibilità di guidare, e di uscire di casa senza accanto un parente di sesso maschile, limita moltissimo la partecipazione delle donne alla vita pubblica e al lavoro. Per questo la decisione è storica, in tutti i sensi. Ma la strada per la democrazia e i diritti umani in Arabia è ancora lunga.

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.