giovedì, Dicembre 12

La via verso la democrazia in Libia

0

L’inviato ONU in Libia si dice fiducioso delle trattative diplomatiche in corso, nonostante le bombe e i morti giornalieri: “Il testo non risponderà alle aspettative di tutte le parti, in particolare rispetto alla distribuzione delle competenze fra le differenti istituzioni (…) ma è un accordo che definisce una visione guidata dai principi della democrazia, l’alternanza pacifica al potere, la separazione dei poteri, il rifiuto inequivoco del terrorismo, il rispetto dei diritti umani. Sono principi sui quali voi tutti avete dato il vostro assenso perché siano le basi di uno Stato libico moderno e democratico”. Con queste parole l’emissario delle Nazioni Unite ha pronunciato il suo ottimismo su tali trattative politiche e di pace in Marocco, davanti ai negoziatori libici e davanti alla bozza di accordo finale per ripristinare l’ordine e le istituzioni in Libia.

La proposta prevede la creazione di un nuovo organo, il Consiglio Presidenziale, che di fatto costituirà l’esecutivo e sarà composto da un triumvirato formato dal primo ministro e da due vice-premier, cui saranno affiancati altri due ministri per consultazioni. Il triumvirato dovrà prendere le decisioni all’unanimità, sarà parte integrante della costituzione e avrà poteri quali: nomina e revoca dei ministri, dei vertici delle forze armate, dei servizi segreti, degli ambasciatori e dei dirigenti dello Stato. Avrà inoltre il comando supremo delle forze armate mentre la nomina del governatore della banca di Libia e del capo dello Stato saranno affidate al parlamento. Si prevede anche l’istituzione, ancora tutta da discutere, di un Consiglio di Stato, formato da 100 consiglieri su base non elettiva, che dovrà controbilanciare il potere dell’esecutivo. L’accordo ONU specifica anche che l’unico Parlamento della Libia resta la Camera dei Rappresentanti di Tobruk.

Fonti militari e di Intelligence israeliane affermano che l’Egitto sta ammassando truppe di terra e d’aria nel deserto occidentale lungo il confine con la Libia, in preparazione di una campagna militare per invadere la Libia orientale e occupare la Cirenaica, al fine di eliminare lo Stato Islamico, che minaccia tanto la pace in Libia quanto lo stesso Egitto. Anche le forze navali si starebbero raccogliendo nei porti egiziani del Mediterraneo.

Girano le indiscrezioni di un possibile lancio di un’operazione militare con lo sbarco dei marines egiziani sulla costa libica intorno alla città di Derna, caduta sotto il controllo dello Stato Islamico, accompagnati da contemporanei lanci di paracadutisti dal cielo. I militari egiziani temono infatti la crescente presenza del Califfato in Libia orientale e nel Sinai, che corrisponde a una minaccia diretta ed espone l’Egitto a un pericolo mortale. L’Intelligence del Cairo sostiene che i terroristi dello Stato islamico siano già presenti nelle città egiziane e che abbiano persino infiltrato alcune unità dell’esercito. Del resto, il numero di attentati a danno di soldati e istituzioni egiziane è in crescita esponenziale e rischia di travolgere l’economia e la pace sociale così difficilmente raggiunta, con la forza delle armi.

 

Questi toni allarmistici e queste ipotesi, rilanciate dal sito d’Intelligence israeliana Debka, sono corroborate dal febbrile allarme dato dall’Intelligence americana. Il 19 aprile, ad esempio, il capo della CIA in persona, John Brennan, era al Cairo per consultazioni con il presidente Abdel Fattah Al Sisi. Quest’ultimo avrebbe garantito che l’invasione è funzionale ad aiutare il governo di Tobruk, a imporre la calma nel contesto libico e a spazzare via i jihadisti, per poi ritirarsi ordinatamente. Il Cairo vorrebbe dunque aiutare il generale libico Haftar a fare quello che sinora il suo esercito regolare non è riuscito a fare, ma non è intenzionato a occupare la Libia.

Intanto il National Transitional Council sta cercando di riprendere le armi distribuite ai cittadini libici per farli partecipare alle operazioni militari che hanno portato alla caduta di Muammar Gheddafi durante la passata guerra civile nel Paese.

Per i militari egiziani, il pericolo della Fratellanza Musulmana – al potere prima del golpe del 3 luglio 2013 – è ancora forte e una Libia in mano alle forze vicine ai Fratelli Musulmani è una minaccia maggiore di un conflitto in territorio libico.

Tuttavia l’Amministrazione Obama è del tutto contraria a un intervento egiziano su larga scala, e predilige l’opzione di aumentare ancora gli aiuti militari al generale Haftar. Il generale, uomo di Washington, ha però il difetto di non esser stato in grado di avere la meglio sul nemico e di aver permesso allo Stato Islamico e agli islamisti di proliferare.

(tratto dalla sezione video del sito di ‘Times.com’, sito del giornale cartaceo ‘Times‘)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore