martedì, Marzo 19

La verità sugli annunci delle escort in Italia Analizziamo alcuni aspetti considerando l’ottica delle accompagnatrici che si dedicano agli incontri a pagamento ma anche quella dei gestori di siti specializzati in annunci online

0
  1. Coloro i quali ricercano la compagnia di una escort oppure di una accompagnatrice online, sono consapevoli di chi stanno contattando?
  2. Sono in grado di valutare la realtà del profilo pubblicato in rete di quella ragazza o di quella modella che tanti ormoni sta scatenando?
  3. Sono sicuri che visitando un sito di annunci escort piuttosto che un altro abbiano a che fare con profili reali e con vere top class girls solo perché compaiono le recensioni?

Facciamo il punto su queste tre semplici domande. Finalmente. Analizziamo questi aspetti considerando l’ottica delle accompagnatrici che si dedicano agli incontri a pagamento ma anche quella dei gestori di siti specializzati in annunci di escort online.

Domanda numero 1: il punter oppure il ‘puttaniere incallito’ (perdonate il termine ma diciamo solo la verità) normalmente si affida ai siti di escort che da molti anni sono presenti nel web. Da che cosa sono attratti? Ovviamente dalle  fotografie presenti negli annunci che stanno visionando. Siccome nella maggioranza dei casi, il frequentatore di escort a pagamento cerca del sesso a buon mercato, è abbastanza probabile che prediliga fotografie molte esplicite, al limite della pornografia. Che poi corrispondano alla realtà della ragazza che incontreranno in seguito, questo è da vedere.

Quindi, in buona sostanza, se la foto è vera o falsa, poco importa. Intanto fanno la telefonata, concordano l’appuntamento e, successivamente, potranno dire se avranno incontrato la stessa persona delle foto oppure no. Nell’epoca in cui viviamo, dominata dalla volgarità e dai ‘fake‘, al frequentatore di escort andrebbe consigliato di non fare troppo affidamento su ciò che vede e procedere a due semplici verifiche. La prima è fare uno screenshot di qualche foto presente nell’annuncio pubblicitario della escort e controllarla con alcuni semplici strumenti: Google Images e TinEye. Il responso è inequivocabile quasi sempre.

Stessa cosa dovrebbero fare i gestori dei siti di annunci. Ma ovviamente non succede. O meglio, succede spesso ma poi, la logica commerciale impone scelte diverse. Anche se nelle linee guida di pubblicazione viene indicato espressamente che pubblicano solo annunci reali. Quanto coraggioQuanta ipocrisia. Basterebbe non scriverlo per non prendere in giro i visitatori dei siti che, forse, saranno i clienti occasionali delle escort. Che, a suon di continue delusioni, si sono rassegnati e prediligono i canali dove quasi tutto è falso, pieno di pornografia e di contenuti espliciti.

Domanda numero 2: abbiamo risposto con la domanda numero 1.

Domanda numero 3: le recensioni, questo strumento terribile. Innanzitutto, perché paragonano le escort (che pur sempre sono donne) alla cena in un ristorante piuttosto che ad un capo di abbigliamento appena acquistato.

Vengono recensite tutte le ragazze con dovizia di particolari, soprattutto sui servizi sessuali offerti ai clienti. Sappiamo bene che, buona parte delle recensioni alle escort saranno pur vere. Altrettanto vero è che molte delle stesse recensioni sono redatte a pagamento. Per favorire questa o quella escort, a discapito delle colleghe stesse che, pagando, possono essere denigrate e distrutte con delle recensioni negative appositamente acquistate. Si, il mondo delle escort è anche tutto questo. Molte escort e accompagnatrici denunciano da tempo il fenomeno. Alcune di loro pubblicano questi ricatti a cui devono sottostare nei loro siti personali.

Ma sono poche, troppo poche, anzi pochissime. La realtà è molto diversa da ciò che appare. Un mondo sommerso che pochi conoscono ma che, in un contesto di onestà intellettuale, è giusto che venga fatto conoscere all’opinione pubblica. Per esempio, i termini e le regole di pubblicazione per gli annunci delle escort e delle ragazze che si trovano su Magicaescort.com, sono chiarissime.

Parlando con il gestore del sito, abbiamo constatato che il business non è la componente dominante del sito di escort. Solo garanzia di annunci reali, tutti pubblicati solo ed esclusivamente con l’autorizzazione dell’inserzionista. Che fornisce pure la copia del documento per avvalorare la veridicità del suo profilo.

Nessun annuncio è scaricato da annunci già presenti in rete, come fanno molti siti del settore. In caso contrario, il gestore del sito pubblica un disclaimer annesso all’annuncio della escort che recita testualmente: lo Staff non ha potuto verificare l’autenticità delle fotografie pubblicate dalle escort e pertanto non se ne assume la responsabilità.

Molto nobile l’intento che si prefigge due scopi:

  • Massimo rispetto per gli utenti di Magica Escort
  • Chiarezza nei confronti delle escort, che a prescindere dal pagamento dello spazio pubblicitario, NON possono pubblicare foto false, riferimenti a prestazioni sessuali e tariffe relative alla loro compagnia.

Abbiamo ritenuto necessario far luce anche su questi aspetti meno conosciuti per chiarezza nei confronti dei nostri lettori. Anche nel mondo dei siti pubblicitari dedicati alle top class escort, c’è qualche gestore che vorrebbe garantire un servizio di qualità agli utenti. Con l’intento di riservare gli spazi pubblicitari a quelle accompagnatrici che prediligono incontri di qualità alla quantità.

Sicuramente andando controcorrente, in un mondo dove non è più la escort a determinare il prezzo di un incontro. Il cliente detta legge è offre del denaro in cambio di mille servizi che pretende. Una follia. Purtroppo, quasi tutte le ragazze che offrono incontri a pagamento, si adeguano a questo trend e sono disposte a tutto, o quasi, pur di guadagnare.

Ma la qualità e le scelte professionali pagano a medio e lungo termine. Le escort non intendono aspettare. Hanno fretta, una fretta terribile. Il risultato devastante che hanno ottenuto è questo:

  • Incontri di pessimo livello.
  • Prezzi bassissimi pagati dai fruitori dei loro servizi.
  • Una deriva assolutamente difficile da arrestare.

Nonostante questo, le escort continuano a lamentarsi. Accettando le regole e a volte le proposte indecenti che arrivano anche dai gestori dei siti di annunci. Senza prendere coscienza di una situazione che a loro è molto chiara. Fare la rivolta è difficile ma basterebbe così poco per riqualificare il settore e per evitare che le escort stesse vengano trattate solo come donne oggetto e non come dame di compagnia. Come meriterebbero.

Dove sono andate a finire le vere accompagnatrici di lusso. Donne meravigliose, di classe, colte e raffinate. Libere sessualmente, senza preconcetti e capaci di accompagnare distinti signori in giro per il mondo. Oppure in qualsiasi momento della giornata in cui sia richiesta la compagnia di una donna con la D maiuscola.

Concedendosi anche sessualmente ma con quella discrezione e quella riservatezza che non è più parte di questo ambiente. Del resto, anche una semplice avventura erotica ha bisogno di erotismo e di sensualità per diventare indimenticabile.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore