lunedì, Agosto 3

La sonda spaziale Sentinel 5P invia le mappe dell’ inquinamento Brutte notizie anche per l' Italia

0

Lanciata il mese scorso, precisamente il 13 ottobre 2017, Sentinel 5P, la sesta sonda spaziale del programma Copernicus, fondato in collaborazione da Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Commissione Europea, ha già inviato le prime immagini. E’ la prima costruita per mappare i livelli di inquinamento dell’ atmosfera. Ad essere rilevati, diversi agenti inquinanti tra cui formaldeide, ozonoanidride solforosa, monossido di carbonio e metano.

Attraverso il Tropomi (Tropospheric Monitoring Instrument), strumento scientifico pensato per studiare la regione dell’atmosfera occupa i circa 15 chilometri sopra il suolo, sono state realizzate queste mappe. Una volta decontaminato, il Tropomi, grazie alla luce del Sole, è riuscito a ‘fotografare’ la situazione. Per Josef Aschbacher, il direttore dei programmi di osservazione della Terra dell’Esa, queste immagini «sono una pietra miliare per l’Europa».Alte concentrazioni di biossido di azoto sono state riscontrate in Europa. I Paesi Bassi, lPianura Padana e Milano, la regione tedesca della Ruhr e alcune della Spagna sono le aree più inquinante d’Europa.

Dalla sonda è stata fotografata anche l’Amazzonia a rischio per il monossido di carbonio prodotto dagli incendi. Lo stesso gas, rilasciato anche da attività industriali e scarichi delle automobili, è stato rilevato anche in Africa centrale, India e Cina. Le immagini inviate dal Sentinel 5P riporteranno all’ attenzione il problema dell’ inquinamento mondiale che causa la morte di almeno nove milioni di persone all’ anno.

E’ stata anche ripresa la nube di gas generata dall’eruzione del vulcano Agung, in Indonesia: una colonna di gas e ceneri ha toccato i 7600 metri di altezza aumentando le concentrazioni di anidride solforosa.

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore