venerdì, Settembre 18

La Gran Bretagna starebbe per vietare cannucce e prodotti di plastica Ecco la la lotta all’inquinamento della May

0
La Gran Bretagna ha in programma di vietare la vendita di cannucce di plastica e altri prodotti monouso entro la fine dell’anno, nel quadro di un piano di lotta contro questi derivati del petrolio che contribuiscono enormemente all’inquinamento dei mari. “Vieteremo questi oggetti di plastica”, ha dichiarato alla Bbc Michael Glove. Le uniche eccezioni che saranno previste riguardano l’uso delle cannucce in campo medico. Ma sarà un’ iniziativa difficile visto che solo nel Regno unito ogni anno vengono gettate ai rifiuti 8,5 miliardi di cannucce.

Già a gennaio, la premier Theresa May aveva annunciato a gennaio una grande battaglia contro i rifiuti in plastica, che si è poi trasferita nell’obbligo di far pagare a breve i sacchetti di plastica in tutti i negozi, mentre la normativa lo prevedeva solo nei centri commerciali. E’ probabile che in futuro si arrivi anche ad un sistema di consegna del reso anche per tutte le bottiglie di plastica.

La Gran Bretagna auspica che questa stessa politica venga adottata in tutti i paesi del Commonwealth.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore