sabato, Settembre 21

La “fratellanza rivoluzionaria” che cambiò Cuba Come il leader cubano Fidel Castro ricordava il "Che"

0

Un’ amicizia fortissima quella che legava Ernesto Che Guevara, un medico argentino dai grandi ideali, e Fidel Castro, un leader del socialismo mondiale, in grado di rendere la piccola isola di Cuba un importante protagonista del Novecento.  Una vera e propria “fratellanza” che si è andata costituendo nell’ arco di 10 anni.

Tutto inizia in Messico, a poco tempo dal fallimento dell’attacco da parte di Castro alla Caserma della Moncada, a Santiago di Cuba, il 26 luglio 1953, con l’ obiettivo di rovesciare il dittatore Fulgencio Batista. Molti dei ribelli perirono, altri furono arrestati e condannati ad una dura detenzione. Poco meno di due anni dopo, Castro e il fratello Raul, insieme ad altri prigionieri politici, furono liberati e mandati in esilio in Messico.

In questo estratto di intervista realizzata da Oliver Stone, Fidel Castro ricorda la personalità del Comandante nella sua interezza.  Va ricordato che il rapporto tra i due cambiò una volta conquistato il potere: Castro, divenuto Primo Ministro, assegnò il dicastero dell’ Industria a Guevara, ma questa posizione finì ben presto per diventare “stretta” al compagno di rivoluzione. I contrasti in materia economica portarono all’ allontanamento di Guevara dall’ isola di Cuba.

(Video tratto dal canale Youtube Yeah Okay)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore