mercoledì, Agosto 12

La California boccia Volkswagen field_506ffb1d3dbe2

0

Mercoledì è respinto un piano di richiamo proposto da Volkswagen AG dalle autorità della California per risolvere la questione legata alle famigerate emissioni truccate dei 16.000 modelli 3.0 TDI montati su Audi A8, Porsche Cayenne e Volkswagen Touareg, realizzati e messi sul mercato tra il 2009 e il 2016. Dopo aver raggiunto un accordo la scorsa settimana per quanto riguardava il modelli con 2.0 TDI, il colosso tedesco si trova a fare i conti con un no deciso della California Air Resources Board (CARB) che ha motivato così lqa sua decisione all’agenzia di stampa ‘Reuters‘ «Le misure sono incomplete, sostanzialmente carenti e non riescono a soddisfare i requisiti legali per riportare le auto alla configurazione certificata in sede di omologiazione»

Inoltre, un portavoce dell’agenzia statunitense Environmental Protection, ente federale statunitense che si occupa della tutela dell’ambiente, ha dichiarato che la stessa agenzia avrebbe constatato che Volkswagen non ha presentato una proposta di piano ritenuta non idonea e non omologabile per i veicoli diesel da 3 litri.  La casa automobilistica tedesca dovrà redarre un nuovo piano entro la fine dell’anno che contenga un’adeguata risoluzione tecnica che soddisfi a pieno non solo l’ente dello stato della West Coast, ma anche le autorità americane impegnate nel settore ecologico ambientale.

(video tratto da canale YouTube ‘Wochit Business‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore