mercoledì, Agosto 5

La Barbie che cambia per le donne di domani Dalla Barbie ai mattoncini Lego tutti i giocattoli che si evolvono

0
1 2


Molto più gradita la Barbie cicciottella. E si finalmente. Dopo anni di bambole con le curve, il seno perfetto, sodo e prorompente ecco che finalmente arriva una Barbie in carne, la Barbie ‘curvy’. Un nuovo modello di bambola che vuole abbattere gli stereotipi sulla magrezza ad ogni costo (in fin dei conti siamo solo nel 2016). Il nuovo mercato, al passo con i tempi, ha deciso di realizzare della bambole sempre più simili alle donne. C’è così la Barbie tall‘ ovvero quella alta, quella ‘petit‘ che rappresenta la donna un po’ bassina e poi quella ‘curvy’ che vuole accontentare le bambine un po’ in sovrappeso. Un nuovo modello di giocattolo che ben si adatta alla realtà adeguandosi ai gusti e alle ‘forme’ della bimbe, ma anche della mamme, che anche grazie ad un giocattolo potranno spiegare alle loro bimbe che essere rotondette non è un reato, che non c’è niente da vergognarsi (sia chiaro, stiamo parlando di bimbe che hanno un sovrappeso che non sfocia in malattia clinica), qualche chilo in più è sempre scomodo ma non tanto da farne una malattia. E da oggi anche la Barbie lo dimostra, questi nuovi giocattoli sono in vendita da questo mese ma hanno già catturato l’attenzione di tantissime mamme normali, con i fianchi larghi e la cellulite che finalmente potranno dire ‘somiglio anche io a Barbie‘. Ma non solo il giocattolo di casa Mattel cambia volto. Anche i famosissimi mattoncini Lego hanno fatto passi avanti e nella famosa serie ‘City‘ ecco che appare per la prima volta nella storia un personaggio sulla sedia a rotelle introducendo per la prima volta la diversità in un giocattolo. La serie City si ispira, come dice il nome stesso, alla città e i famosi mattoncini hanno sempre realizzato meravigliosi quartieri ma, molti diversamente abili non si sono sentiti rappresentati e così hanno firmato una petizione che, grazie al web, si è diffusa a macchia d’olio, tanto da convincere i vertici della Lego a introdurre il primo uomo sulla sedia a rotelle. Nuovi giochi per nuovi bimbi, ragazzini che guardano al domani e che, forse, saranno più sensibili anche grazie alle innovazioni dei loro giocattoli preferiti.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore