sabato, Agosto 15

L’Occidente condanna la decisione di Erdogan di trasformare Hagia Sophia in una moschea La scelta di trasformare la Cattedrale in una moschea rappresenta solo l'ultima mossa del suo disprezzo per l'Occidente e le altre culture

0

Hagia Sophia ha un forte valore simbolico, storico e universale. La Turchia ha sviluppato una consolidata tradizione di conservazione culturale e una riconosciuta tradizione di apertura intellettuale e culturale. È deplorevole la decisione del Consiglio di Stato turco di rovesciare una delle decisioni fondamentali della Turchia moderna e la decisione del Presidente Erdogan di porre il monumento sotto la gestione della presidenza degli affari religiosi. Come membro fondatore dell’Alleanza delle Civiltà, la Turchia si è impegnata nella promozione del dialogo interreligioso e interculturale e nella promozione della tolleranza e della convivenza.

L’Unione europea ha affermato in una dichiarazione rilasciata venerdì sera, mentre il Primo Ministro greco Kyriakos Mitsotakis ha annunciato che il suo paese condanna in modo più deciso la decisione della Turchia di convertire Hagia Sophia, l’ex cattedrale bizantina di Istanbul, in una moschea, avvertendo che questo passo influenzerà negativamente le relazioni tra Atene e Ankara.

«La decisione turca influenzerà non solo le relazioni tra Grecia e Turchia, ma anche della Turchia con l’Unione Europea, l’UNESCO e l’intera comunità internazionale». Mitsotakis ha aggiunto. In precedenza, il ministro della Cultura greca Lina Mandoni aveva descritto la decisione turca come una «provocazione per il mondo civilizzato» e aveva avvertito che il nazionalismo mostrato dal presidente Erdogan stava riportando il suo paese a sei secoli fa.

La scorsa settimana, il Consiglio di Stato turco ha approvato le richieste avanzate da diverse organizzazioni per annullare una decisione del governo risalente al 1934 che ha conferito al sito lo ‘status di museo’, ma il Ministro della Cultura greco ha ritenuto che questa decisione giudiziaria confermasse l’assenza di indipendenza della magistratura sotto il regime di Erdogan. Nella sua dichiarazione, Mandoni ha sottolineato che «Hagia Sophia è un edificio che appartiene a tutta l’umanità, indipendentemente da qualsiasi credo religioso».

La decisione di convertire Hagia Sophia in una moschea segue la visita di Erdogan a Doha. Secondo i media locali, il presidente turco ha concordato con il Qatar di consentire ad alcuni paesi occidentali di convertire le moschee in chiese, in cambio della conversione di Santa Sofia in un luogo di culto per i musulmani. Recenti rapporti hanno rivelato l’espansione dell’Islam politico in Europa attraverso un sostanziale finanziamento del Qatar alle moschee, specialmente in Italia e Francia. Secondo il quotidiano francese ‘Libération’, il Qatar gestisce un rapporto entusiasta con l’Unione delle organizzazioni islamiche di Francia (UOIF), rappresentante francese dei Fratelli Musulmani.

Anche in Italia, ‘Il Giornale’ ha pubblicato diverse prove della pericolosa connessione dell’Unione Italiana delle Comunità e Organizzazioni Islamiche (UCOII) con i Fratelli Musulmani. Qualche anno fa, Georges Malbrounot, noto giornalista di ‘Le Figaro’, che ha a lungo trattato le relazioni tra Francia e Qatar, ha affermato che «attraverso l’UOIF e il finanziamento di moschee, l’idea del Qatar è quella di prendere il controllo dell’Islam in Francia». Tutto ciò ha sollevato preoccupazioni nell’opinione pubblica europea, innescando il dibattito politico.

La Cattedrale di Santa Sofia è un capolavoro architettonico che i bizantini costruirono all’ingresso del Bosforo nel sesto secolo e furono incoronati dai loro imperatori. Dopo che gli ottomani conquistarono Costantinopoli, nel 1453, gli antenati turchi cambiarono il nome dell’antica capitale dell’Impero bizantino in Istanbul, trasformarono la cattedrale in una moschea nello stesso anno.

Hagia Sophia è elencata nella lista del patrimonio mondiale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la cultura e la scienza ed è considerata una delle destinazioni turistiche più importanti di Istanbul. Il mondo inizia a comprendere il pericolo di Erdogan, la sua decisione di trasformare Hagia Sophia in una moschea rappresenta solo l’ultima mossa del suo disprezzo per l’Occidente e le altre culture.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore