venerdì, Settembre 18

L’India blocca le app cinesi Tik Tok, WeChat ed Helo Nuovo colpo alle sempre fragili relazioni India-Cina e nuova oscillazione nello “swing power indiano”, stavolta contro Pechino

0

Non solo gli Stati Uniti dell’Amministrazione Trump e la Gran Bretagna di Boris Johnson che vietano l’introduzione della tecnologia 5G sul proprio territorio perché di produzione cinese oppure, più nello specifico, nel caso americano, si medita di chiudere la applicazione Tik Tok perché rischiosa porta di ingresso per la famelicità predatoria cinese di dati riservati. Anche il colosso indiano, soprattutto alla luce dell’astio rinfocolatosi a causa degli scontri confinari che hanno vissuto una recente recrudescenza, oggi si frappone alla tecnologia mobile cinese. In particolar modo, questa volta, si tratta di uno scontro che si svolge sul campo delle app, dell’Hi-Tech oltre che sul terreno delle derivazioni tecnologiche che impattano pure sui social che oggi, specialmente tra i giovani, spopolano e impazzano.

Il governo indiano, infatti, ha vietato 59 applicazioni mobili cinesi, comprese le principali piattaforme di social media come TikTok, WeChat e Helo, per contrastare la minaccia rappresentata da queste applicazioni alla «sovranità e sicurezza» del Paese. ShareIT, il browser UC e l’app di shopping Clubfactory sono tra le altre app di spicco che sono state bloccate a causa delle crescenti tensioni tra India e Cina a seguito di scontri al confine due settimane fa.

In un comunicato stampa, il Governo ha affermato che le ricerche indiane oggi sono condotte e concentrate su attività «pregiudizievoli per la sovranità e l’integrità dell’India, la difesa dell’India, la sicurezza dello stato e l’ordine pubblico». Il divieto è stato imposto ai sensi della Sezione 69A dell’Information Technology Act, in assonanza con le disposizioni pertinenti le Norme sulla Tecnologia dell’Informazione (procedura e misure di salvaguardia per il blocco dell’accesso delle informazioni da parte del pubblico) del 2009, ha affermato nel testo ufficiale. Il Governo ha anche citato reclami in merito al trasferimento di dati relativi a utenti indiani ottenuti senza autorizzazione. La mossa potrebbe essere un duro colpo per le ambizioni della Digital Silk Route cinese, erodendo la valutazione delle aziende. Potrebbe anche portare a un numero maggiore di Paesi che seguono le indicazioni pilota dell’India e agiscono contro queste app, come hanno in più sedi asserito le fonti giornalistiche e specializzate. Un alto funzionario ha affermato che il Governo aveva preso in considerazione tutti gli aspetti prima di prendere la decisione. «Queste app sono presenti da molto tempo e mostrano alcuni problemi di privacy e sicurezza, inclusi i rischi che i dati vengano estratti in modo fraudolento dal Paese», ha affermato la figura istituzionale interpellata da media locali. La dichiarazione del Ministero dell’Elettronica e dell’IT (MeitY) afferma che aveva ricevuto denunce da varie fonti, tra cui diversi rapporti sull’uso improprio di alcune app mobili per il furto e la trasmissione clandestina di dati degli utenti in modo non autorizzato a server fuori dall’India.

L’India è il più grande mercato esterno della Cina per app come TikTok e UC Browser. Mentre l’India rappresenta una fonte di entrate relativamente piccola per le app cinesi, è ancora il suo mercato principale in più rapida crescita. Man mano che gli indiani diventano più ricchi, aumenteranno le entrate medie per utente: il mercato della pubblicità digitale in India dovrebbe crescere del 26% quest’anno, riferisce la CNN. Le azioni di Nuova Delhi chiudono questo mercato. Potrebbero esserci ulteriori azioni su altri software e hardware cinesi, in particolare i prodotti 5G, poiché gli indiani diventano più consapevoli delle potenziali minacce alla sicurezza della tecnologia cinese.

Proprio questa settimana, ad esempio, la Federal Communications Commission degli Stati Uniti ha designato ufficialmente Huawei e ZTE come minacce alla sicurezza nazionale, impedendo efficacemente ai fornitori di servizi Internet statunitensi di utilizzare sussidi federali per acquistare le loro apparecchiature. L’impatto sull’India. Secondo alcuni osservatori esperti di cose locali, la decisione di Nuova Delhi farà del male anche agli indiani. Mentre la mossa soddisferà i media jingoistic del Paese e coloro che chiedono vendetta dopo la scaramuccia di frontiera di un paio di mesi fa, il divieto di TikTok danneggerà migliaia di creatori di contenuti indiani che dipendono dall’app cinese per i loro mezzi di sussistenza. Tuttavia, aziende indiane come Roposo, un’alternativa locale a TikTok, potrebbero vedere un aumento di interesse e nuovi utenti. Chrome è ancora l’app per browser più popolare in India e anche aziende come Google potrebbero trarre vantaggio dal blocco di UC Browser.

Uscendo dal terreno delle valutazioni di tipo squisitamente economico e finanziario ed addentrandoci nel territorio delle valutazioni di tipo geopolitico, l’intera questione delle relazioni sino-indiane assume una luce ancor più complessa. Infatti, la decisione indiana rimette -di fatto- in discussione il fragile accordo trovato con la Cina a proposito delle questioni confinarie che, nello scorso mese di giugno hanno vissuto una particolare recrudescenza. In quel frangente, nella Valle di Galwan, sono morti venti soldati indiani ed un numero ancor oggi imprecisato di cinesi, per questo motivo, le relazioni sino-indiane hanno trovato il loro picco più negativo dal lontano 1962. Successivamente, ovvero ai primi di luglio, i due comandanti sul campo, il generale cinese Liu Lin e il generale indiano Harinder Singh, si sono incontrati a Chushul, nel Ladakh per la terza volta in un mese. Secondo il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian, l’incontro aveva segnato «positivi progressi» verso una riduzione delle tensioni tra le due parti. Alla luce delle più recenti decisioni indiane, in realtà, il fuoco continua a permanere sotto la cenere.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore