sabato, Luglio 4

L’importanza di navigare sicuri: ecco alcuni utili consigli In gioco ci sono i dati e le informazioni relative ai propri dati bancari

0

Al giorno d’oggi internet è diventato uno strumento che viene utilizzato dalla maggior parte di noi. Sono poche le persone, prevalentemente anziane, che non hanno mai sfruttato i vantaggi della connessione al web. L’avvento, prima, e il boom, poi, di smartphone e tablet hanno consentito di svolgere online un gran numero di attività che, fino a qualche anno prima, era impensabile realizzare tramite il web.

Proviamo a pensare, ad esempio, a chi deve effettuare l’invio di documenti importanti ad enti pubblici tramite posta certificate, ma anche a situazioni molto più divertenti e leggere, come chi ama giocare alle slot machine da bar e ha intenzione di giocare direttamente sul web, stando comodamente seduti sul divano ed evitando di doversi muovere da casa.

Attualmente, infatti, ci sono numerose piattaforme che permettono di giocare alle slot online in modo sicuro e affidabile: è fondamentale, però, che l’utente si adoperi per riconoscere i portali che sono veramente sicuri da quelli che potrebbero nascondere qualche tranello. In ‘gioco’ ci sono i dati e le informazioni relative ai propri dati bancari: di conseguenza, è fondamentale prima di tutto accertarsi che la piattaforma su cui si ha intenzione di cominciare a scommettere comprenda nella homepage il marchio AAMS, una garanzia che il sito operi rispettando la normativa vigente in Italia in tema di gioco d’azzardo. E, in secondo luogo, fate attenzione alla reputazione, che deve essere sempre alta, considerando anche le recensioni degli utenti.

La protezione dei dati

Tramite le connessioni http, tutte le comunicazioni si svolgono in chiaro e, di conseguenza, sono visibili da quanti hanno la capacità di intercettare il flusso relativo allo scambio di informazioni. È chiaro che si tratta di una situazione di grande rischio e che, nella maggior parte dei casi, avviene senza che gli utenti finali se ne riescano a rendere conto.

Ed è questa la ragione per cui conviene puntare sulle connessioni https, accertandosi che i siti che si visitano le abbiano effettivamente, visto che sono in grado di garantire una maggiore tutela, dal momento che vengono criptate.

Proteggere le abitudini di navigazione

È chiaro che usare il protocollo HTTPS riesce a garantire un’adeguata protezione non solamente ai vari dati sensibili che vengono condivisi e immessi sul web, ma offre anche un’ampia tutela sulle abitudini di navigazione degli utenti.

Ci sono alcune zone in cui i provider hanno l’opportunità di tenere sotto traccia la cronologia web degli utenti, scoprire quelle che viene cercato sui vari motori, le loro preferenze. Tutta questa mole di informazioni è molto preziosa, dal momento che poi viene rivenduta a peso d’oro agli inserzionisti di pubblicità, che saranno in grado di creare delle comunicazioni pubblicitarie specifiche, proprio per soddisfare particolari esigenze e necessità degli utenti.

Uso di una VPN e altri consigli

Chi si connette spesso e volentieri a delle reti Wi-Fi pubbliche dovrebbe certamente utilizzare una rete VPN, che riesce a proteggere in maniera adeguata tutti i dati scambiati dall’utente, evitando che terzi malintenzionati possano intercettare tali flussi di informazioni. Tra gli altri suggerimenti che possono tornare utili troviamo quello di evitare i plug-in, aggiornare costantemente il browser, non scaricare programmi da siti che non sembrano sicuri e affidabili, utilizzare spesso la doppia autenticazione, scegliere con la dovuta attenzione la password e cambiarla periodicamente, prestare attenzione alle mail e alle relative truffe, ma soprattutto provvedere all’installazione di un efficace antivirus, mantenendolo sempre aggiornato.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore