sabato, Luglio 4

L’evoluzione dell’home banking: da strumento facoltativo, ad elemento imprescindibile per i risparmiatori Ecco tutto i vantaggi di uno strumento di basilare importanza ed assoluta necessità per tutti gli utenti

0

La tecnologia, come noto, ha migliorato sensibilmente la vita di ciascun cittadino, creando comfort ritenuti oggi ormai acquisiti, ma inimmaginabili sino a vent’anni anni fa. Anche nel mondo bancario, ad esempio, si è assistito ad una vera e propria rivoluzione, con significativi benefici per tutti gli utenti.

Negli ultimi due decenni, infatti, un servizio bancario, più di altri, è stato richiesto frequentemente dai risparmiatori, diventando, di fatto, uno strumento di basilare importanza ed assoluta necessità: l’home banking. Per quei pochi che, ancora oggi, non lo conoscono, esso consente, una volta autenticati nel sito del proprio istituto, di poter monitorare costantemente i movimenti del proprio conto corrente, oltre alla possibilità di effettuare alcune operazioni in remoto.

Home banking: cosa si può fare grazie ad esso?

Tra le operazioni maggiormente eseguite, spicca, senza alcun dubbio, la possibilità di effettuare bonifici online, evitando di recarsi fisicamente allo sportello bancario per trasferire somme di denaro ad un terzo soggetto; eseguendolo in rete, oltretutto, i costi si riducono drasticamente rispetto all’effettuazione del bonifico allo sportello bancario o postale.

E restando in quest’ultimo ambito, grazie all’home banking è possibile pagare i bollettini postali direttamente dal proprio pc o smartphone, anche in questo caso risparmiando in termini commissionali e temporali. Un’opzione molto sfruttata, poi, riguarda la possibilità di ricaricare la propria scheda telefonica, oltre a quella di trasferire denaro sulla carta prepagata del proprio istituto di credito.

Gli home banking più evoluti, però, non consentono all’utente di disporre operazioni solo dal proprio conto corrente. In alcuni casi, infatti, è possibile gestire attivamente la propria carta di credito, non solo per quanto riguarda la visualizzazione dei movimenti: tramite alcune specifiche funzioni, infatti, si può ripristinare il fido originario, addebitando tutte le operazioni fino a quel momento eseguite nel mese, oppure rateizzare l’importo addebitato di un determinato periodo.

Anche la carta prepagata può essere gestita comodamente tramite il proprio home banking. Sfruttando determinate funzioni, infatti, è possibile porre – ad esempio –  dei blocchi all’importo utilizzabile rispetto al saldo realmente presente sulla stessa, in modo da minimizzare il rischio di subire frodi online o tentativi di phishing; inoltre, nella maggior parte dei casi è possibile effettuare, gratuitamente, dei giroconti per spostare del denaro sul conto corrente.

L’home banking consente l’accesso al mondo finanziario e del credito al consumo

Grazie all’home banking, poi, è possibile fare trading online sfruttando le piattaforme finanziarie di ogni singolo istituto. Un’opzione che continua a mietere consensi tra i clienti delle banche, che possono operare nei mercati finanziari comodamente da casa, o in qualsiasi altro luogo tramite smartphone, risparmiando sensibilmente sulle commissioni di negoziazione dei titoli.

Col passare del tempo, inoltre, l’home banking è diventato, spesso, una sorta di ‘vetrina on-line’ per la proposizione e la sottoscrizione – a prezzi di norma più vantaggiosi rispetto allo sportello – di prodotti finanziari e bancari. Un esempio classico, in tal senso, riguarda il mondo del credito al consumo, al quale, sino a qualche anno fa, era possibile accedere solo presentando la propria domanda in agenzia.

Alcuni istituti, infatti, consentono al cliente di scannerizzare la documentazione richiesta (ad esempio buste paga, modello unico, etc.) ed inoltrarla, congiuntamente alla domanda di finanziamento, direttamente online. E in questo caso, oltretutto, anche i tempi di risposta diventano, talvolta, più celeri. Negli ultimi anni, inoltre, alcuni istituti offrono, a clienti di un certo standing, di poter sottoscrivere dei prestiti pre valutati: in questo caso, l’utente, qualora fosse interessato, deve solo accettare la proposta, l’erogazione è immediata.

In tema di home banking, ci spiega molto bene il funzionamento e la gestione della home banking di bper contocorrente.net, un sito che aiuta ad orientarsi ancora meglio nelle proposte dei vari istituti di credito.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore