lunedì, Aprile 6

L’e-commerce arriva in tipografia e la stampa è a portata di click Il fondatore di Stampaprint spiega i perché del successo del web to print

0

Alla fine il web è arrivato anche qui: in tipografia. Dopo aver sconvolto il retail tradizionale, dall’elettronica, al fashion passando per il turismo, l’e-commerce ha rivoluzionato anche il settore della stampa online. Il perché è da ricercare nei plus che il web è in grado di offrire: comodità, velocità, risparmio, grazie soprattutto alla disintermediazione. Così, anche uno dei settori apparentemente molto lontani dalla rivoluzione tecnologica ha subito il fascino e l’influenza di internet.

Negli ultimi anni sono quindi nate e si sono sviluppate alcune importanti piattaforme che offrono servizi di stampa volantini, biglietti da visita, striscioni, adesivi e molto altro. E’ il caso di Stampaprint, un’azienda nata pochi anni fa, tutta italiana, che ha saputo cavalcare questa rivoluzione crescendo rapidamente nel nostro Paese e all’estero, dove opera in lingua francese, tedesca e spagnola.

Abbiamo intervistato il suo fondatore e amministratore, Davide Rossi, per comprendere appieno quali sono i motivi del successo delle piattaforme del web to print: “Credo che gli elementi vincenti siano soprattutto la comodità e la possibilità di risparmio. Grazie all’elevata mole di ordini che gestiamo quotidianamente, riusciamo ad abbattere questi costi fissi che fanno lievitare i prezzi delle tipografie tradizionali. Inoltre, l’esperienza di acquisto su un sito come Stampaprint è estremamente semplice ed intuitiva: in pochissimi click puoi trovare il prodotto che cercavi, configurarlo e acquistarlo”.

Infatti, non sono necessari spostamenti, revisioni di bozze o ricerche infinite per trovare il fornitore di un prodotto particolare: su stampaprint.net trovi un catalogo molto ampio fatto dai tradizionali prodotti tipografici, come volantini, biglietti da visita, brochure, dai prodotti di grande formato, come striscioni, manifesti o pannelli pubblicitari, a prodotti per gli allestimenti fieristici come rollup e desk a una grande varietà di abbigliamento (t-shirt, cappelli ecc…). “Uno dei nostri primari obiettivi è quello di ampliare continuamente il catalogo prodotti: ogni giorno inseriamo almeno un nuovo articolo proprio per cercare di soddisfare il più possibile il mercato della comunicazione”.

E a tal proposito Rossi descrive la clientela della sua azienda: “Tra i nostri utenti figurano molti studi grafici, piccole/medie tipografie, designer e operatori della comunicazione: è soprattutto per soddisfare la loro creatività e la loro ricerca di esclusività che siamo alla continua ricerca di nuovi prodotti e nuove lavorazioni da inserire”.

Ma il pubblico del web to print non è solo fatto da professionisti della grafica: “Al contrario e soprattutto negli ultimi anni, molti clienti sono dei neofiti della stampa. Per aiutarli ad ordinare abbiamo quindi migliorato la descrizione e la visualizzazione dei prodotti, oltre ad aver creato un tool per il disegno online che permette a chiunque di creare il proprio biglietto da visita partendo da template preimpostati”.

Insomma, semplicità ed evoluzione sembrano essere le parole che guidano lo sviluppo del web to print in generale e di Stampaprint in particolare verso i nuovi scenari che il futuro riserverà ad un settore che ha saputo reinventarsi anche nel bel mezzo della contemporanea rivoluzione tecnologica.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore