lunedì, Ottobre 21

Kurdistan: il referendum e la nuova instabilità Il bilancio secondo Andrea Dessì, ricercatore presso l’ Istituto Affari Internazionali (IAI)

0
1 2


A poco meno di due giorni dalla chiusura delle urne, i risultati ufficiali sono stati annunciati dal Presidente Massoud Barzani in un discorso televisivo. I “Sì” sono stati il 92,7%, mentre l’affluenza si è attestata al 72,6% dei circa 5,3 milioni di elettori registrati.

Il successo è stato clamoroso, ma ora inizia la fase più complessa. Il Presidente Barzani dovrà intraprendere delle complesse trattative con il governo di Baghdad. Come era stato già anticipato prima del voto dallo stesso Barzani, considerata il valore consultivo del referendum. l’ intenzione delle autorità kurde non sarà un’ immediata dichiarazione di indipendenza, ma tale risultato dovrà essere la conclusione di un percorso di dialogo, costruttivo anche di anni, con la controparte irachena.

Per commentare l’ esito del referendum abbiamo chiesto ad Andrea Dessì, ricercatore presso l’ Istituto Affari Internazionali (IAI) di Roma, programma Mediterraneo e Medioriente.

All’ inizio della settimana scorsa, la Corte suprema di Baghdad si era espressa a favore di una sospensione del referendum perché incostituzionale, non rispettando almeno un terzo degli articoli della Carta costituzionale.

Per lo stesso motivo, il Premier iracheno Haider al-Abadi non vuole sentir ragioni. «Nessuno è unico all’interno dell’Iraq» sarebbero state le sue parole. Ha inoltre lanciato un ultimatum: ha concesso tre giorni ad Erbil per trasferire al governo federale l’ autorità sugli aeroporti della regione del Kurdistan. Altrimenti, a partire dalla 15 di venerdì, Baghdad proibirà tutti i voli internazionali da e per il Kurdistan.

A tal riguardo, dice Dessì, “Baghdad ha subito messo in atto una politica di pressione economica e politica verso il governo curdo di Erbil. Queste mosse sembrano essere anche coordinate a livello regionale, con la Turchia e l’Iran. L’annuncio di Al-Abadi, è l’ultimatum lanciato alle autorità curde è senz’altro un segnale forte e preoccupante, specie per quanto riguarda l’invio di ufficiali Iracheni che dovrebbero prendere il posto di quelli curdi nel gestire gli aeroporti internazionali nel Kurdistan iracheno, ma anche i passaggi di frontiera. Erbil ha già annunciato che non permetterà a Baghdad di sottrarre alle proprie forze il controllo dei confini e degli aeroporti. Le tensioni sono molto alte ed e da scongiurare nella maniera più forte l’ipotesi di scontri armati per attuare quest’ultimatum. Per quanto riguarda l’embargo di voli internazionali, per ora solo l’Iran ha cancellato tutti i voli da e per il Kurdistan Iracheno, anche chiudendo le frontiere terrestri e attuando un’esercitazione militare sul confine”.

Come se non bastasse, la Turchia ha interrotto le trasmissioni satellitari dell’ emittente curda “Rudaw”. «Pronti a rispondere se la sicurezza è in pericolo» aveva dichiarato il Primo Ministro turco Yildirim. InoltreA nord”- precisa Dessì –“ le forze militari turche e irachene hanno preso parte ad esercitazioni congiunte sul confine con il Kurdistan iracheno, mandando anche qua un segnale forte alle autorità di Erbil. Per ora però i voli della Turkish Airlines continuano ad atterrare ad Erbil, mentre solo una compagnia regionale – la Lebanon’s Middle East Airlines – ha annunciato un fermo ai voli diretti nel nord dell’Iraq a partire da venerdì prossimo. Dietro a queste misure economiche e politiche si gela il fatto che un ipotetico stato indipendente curdo non sarebbe sostenibile economicamente senza il consenso politico dei propri vicini. Questo è il messaggio che stanno inviando ad Erbil: non illudetevi che l’indipendenza vi porterà liberta e sviluppo economico, il Kurdistan Iracheno rimarrà sempre fortemente dipendente dai propri paesi vicini”.

Le autorità turche hanno infatti minacciato anche di chiudere l’oleodotto Kirkuk-Ceyhan, ovvero quello che trasporta il greggio prodotto dai giacimenti nel Kurdistan iracheno verso la Turchia e i mercati europei. Attraverso tale oleodotto transitano ogni giorno più di 500 mila barili di petrolio.

A proposito dell’ area di Kirkuk, Dessì non esita a ricordare che “la questione, insieme ad altre importanti zone contese tra Baghdad ed Erbil è, e rimarrà, una questione cruciale per capire gli sviluppi che seguiranno il referendum. Kirkuk è una di queste zone contese, forse la più famose per via delle risorse petrolifere. Dopo l’avveno dell’ISIS nell’estate del 2014 e le avanzate delle forze di sicurezza curde per scacciare lo Stato Islamico, i curdi si sono impossessati – militarmente – di queste zone, compreso Kirkuk, e da allora si rifiutano di ritirarsi. Il fatto che il referendum si è tenuto anche in queste zone – a discapito delle proteste di Baghdad, ma anche di altri paesi internazionali – complica di molto la situazione. La questione petrolifera è importante, ma sarà difficile per la regione curda autonoma esportare queste risorse. Negli ultimi anni i Curdi hanno esportato petrolio attraverso il confine con la Turchia. Ora, dopo il referendum e le proteste turche, è difficile pensare che Ankara continui con questa politica. Per ora è in atto un vero e proprio embargo economico e politico verso Erbil. Siamo ancora agli inizi e bisognerà aspettare per capre meglio gli sviluppi interni, regionali ed internazionali che possono seguire”.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore