domenica, Novembre 29

Kenya: una minoranza al voto, in un clima teso Solo il 34,5% degli aventi diritto ha votato, in 4 distretti non ci è potuto votare; Uhuru Kenyatta vince forte di una minoranza che lo rende debole e a rischio contestazioni

0

Sono puntualmente arrivate all’aeroporto di Nairobi con provenienza da Dubai, mercoledì 25 ottobre, le schede elettorali che sono state poi distribuite in tutto il Kenya, a dimostrazione che le nuove elezioni presidenziali, previste per il giorno successivo ma fortemente contestate dall’opposizione in seguito all’annullamento della rielezione del Presidente Uhuru Kenyatta l’8 agosto scorso, si sarebbero regolarmente tenute.
Erano attesi alle urne 19,8 milioni aventi diritto, ma l’affluenza è stata decisamente bassa. La Commissione Elettorale (IEBC) ha dichiarato che hanno votato circa il 34,5% degli elettori, dopo la comunicazione dei risultati di 267 delle 290 circoscrizioni, mentre la percentuale era stata ad agosto dell’80%– e in 4 distretti non si è potuto votare.

La bassa affluenza sembrerebbe la risposta all’appello del leader dell’opposizione, Raila Odinga della National Super Alliance (NASA), di rimanere a casa e quindi di non votare.
Odinga chiedeva, infatti, che le elezioni si tenessero entro 90 giorni, lasso di tempo necessario per permettere alla IEBC di operare adeguate riforme alla legge elettorale per evitare nuovamente «irregolarità e illegalità» nei risultati. Non a caso, uno dei maggiori membri della Commissione, Roselyn Akombe, ha dato le dimissioni ed è volato negli Stati Uniti dopo aver dichiarato che le elezioni non possono essere «né libere né eque quando viene dato allo staff istruzioni all’ultimo momento sui cambiamenti tecnologici e sulla trasmissione elettronica dei risultati, quando in alcune parti del Paese la formazione dei presidenti dei seggi è fatta in tutta fretta per paura di attacchi da parte di oppositori».
Odinga aveva quindi ritirata, il 10 ottobre, la sua candidatura, ma è stato comunque inserito dalla Commissione tra i candidati alle presidenziali, non avendo seguito il protocollo per rendere valida la sua decisione. Il leader dell’opposizione è quindi rimasto in campo contro l’uscente Kenyatta del partito Jubilee assieme ad altri sei candidati: Ekuru Aukot (Thirdway Alliance), Abduba Dida (Alliance for Real Change), Cyrus Jirongo (United Democratic Party) e i tre indipendenti Joseph Nyagah, Michael Wainaina e Japheth Kaluyu.

Nonostante l’appello di Odinga a non protestare, gli scontri tra oppositori e forze dell’ordine non sono mancati e sono iniziati presto la mattina nel quartiere di Kibera a Nairobi dove il seggio è andato quasi deserto, come peraltro è successo in altre località. Almeno tre i morti accertati a metà pomeriggio ma le proteste sono continuate anche dopo la chiusura dei seggi, causando altre vittime; il bilancio secondo alcune fonti ieri si sarebbe chiuso con 6 morti e alcune decine di feriti.

Secondo i media sul posto la bassa affluenza sarebbe giustificata dal fatto che, per esempio a Nairobi, molti hanno atteso di capire quanta gente sarebbe andata a votare prima di decidere il da farsi, mentre in altri casi, anche coloro che vorrebbero votare, non riescono a farlo perchè ci sono dei picchetti di civili nei pressi dei seggi. Alcuni hanno anche accesso fumogeni nelle strade che portano ai seggi. Fonti locali hanno denunciato odore di gas lacrimogeno nei pressi dei seggi di Mombasa, segno che la Polizia ne ha sparato per disperdere la folla.

Il Presidente della IEBC, Wafula Chebukati, ha rimandato, per motivi di sicurezza, a sabato 28 ottobre le votazioni nelle quattro contee di Homa Hay, Kisumu, Migori e Siaya, peraltro roccaforti dell’opposizione, e in altri seggi che verranno indicati ufficialmente solo oggi. Si teme tuttavia che le stesse difficoltà possano ripetersi sabato.

Standone ai primi risultati, come ampiamente previsto, l’uscente Kenyatta, grazie anche al boicottaggio dell’opposizione, è vincente, ma sembra  inevitabile la contestazione della legittimità delle votazioni.

Quello che è certo, è che se le elezioni non verranno nuovamente invalidate, Kenyatta andrà avanti con un nuovo mandato presidenziale alla mano. Odinga, dal canto suo, è deciso a continuare la sua opposizione al Governo dello storico avversario e già ha annunciato, nei giorni scorsi, che il suo partito verrà trasformato in «movimento di resistenza» con la costituzione di una «assemblea del popolo» per richiedere l’indizione di nuove elezioni entro 90 giorni. Odinga in questa sua ‘battaglia’ potrebbe anche sperare nel supporto di alcuni Paesi occidentali, a partire dagli Stati Uniti, come dimostra l’intervento dei 20 ambasciatori nelle ore precedenti l’apertura dei seggi.

Si teme possa ripetersi la situazione post-elettorale del 2007 quando più di 1200 persone hanno trovato la morte, ma fonti governative rassicurano che le violenze verranno evitate in un Paese che in questi ultimi mesi ha comunque visto riemergere profondi scontri etnici che i due maggiori contendenti, appartenenti a due etnie diverse -Kenyatta di etnia Kikuyu e Odinga Luo-, alimentano fortemente.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore