sabato, Maggio 30

Kasotsuka Shojo, criptovalute alla conquista della musica Le otto componenti si chiamano come alcune delle monete virtuali attualmente in circolazione

0

Criptovalute al potere? Sì, ma non in economia, ma nel mondo della musica. Eh sì, perché uno degli ultimi gruppi pop che è riuscito a sfondare in Giappone è la band Kasotsuka Shojo, che significa Virtual Currency Girls, ossia le ragazze rappresentano le criptovalute in ordine di capitalizzazione. I membri sono 8 e tra le cantanti troviamo Bitcoin, Bitcoin Cash, Ethereum e NEM.

I Kasotsuka Shojo sono stati creati dall’accademia giapponese ‘Cinderella Academy’, compagnia di intrattenimento gestisce anche diversi altri gruppi popolari. Questa band composta esclusivamente da ragazze sta cercando di educare il pubblico sulle valute digitali. Ad esempio nella canzone The Moon and Virtual Currencies and Me si dice di ‘non dimenticare la verifica in due passaggi’ e di ‘non usare mai la stessa password due volte’. Insomma un vero e proprio vademecum per gli internauti, che si stanno approcciando alle criptovalute.

I Kasotsuka Shojo hanno avuto il loro primo spettacolo a Tokyo poco tempo fa e durante lo show hanno spiegato i vantaggi dell’utilizzo di valute elettroniche, nonché i rischi per la sicurezza presenti di fronte a chi si trovava nello spazio.

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.