lunedì, Maggio 27

Kashmir: le proteste anti-India danneggiano il turismo

0

Non si placano le proteste in Kashmir. Nelle scorse settimane abbiamo riportato gli scontri di piazza tra gli studenti e la polizia che hanno portato a diversi arresti. Il motivo è l’occupazione e la repressione indiana. Nel mirino in particolare erano finite le due organizzazioni studentesche, All J&K Students Union (AJKSU) e Kashmir University Students Union’s (KUSU), che avevano chiamato alla mobilitazione e che negli ultimi mesi sono già state protagoniste di prese di posizioni per la democrazia e per i diritti civili nelle scuole e nel Kashmir in generale.

Il Kashmir, un vero e proprio paradiso naturale, è senza dubbio da decenni al centro di una dura repressione da parte dell’India, che agisce per reprimere i sentimenti di autodeterminazione delle popolazione. Alcune stime parlano di più di centomila kashmiri uccisi in questo ‘conflitto’. L’ India sta schierando più di mezzo milione di soldati nella zona. E questo ovviamente sta portando grossi problemi dal punto di vista dell’economia del Kashmir. In particolare a soffrire è il settore del turismo, il fiore all’occhiello della regione. E se ne parla proprio in questo servizio di Al Jazeera.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.