giovedì, Febbraio 20

Kashmir, la rivolta degli studenti

0

Centinaia di studenti in rivolta in molte località dello Stato indiano di Jammu & Kashmir. Diversi i cortei che poi sono sfociati nelle ultime ore in scontri con le forze dell’ordine. E il bilancio è pensate: si parla di 70-100 feriti, in particolare fra gli studenti.

La protesta è per le violenze avvenute durante il fine settimana nel Degree College di Pulwama in cui vi sono stati almeno 50 feriti. I disordini più gravi sono avvenuti a Srinagar, capitale estiva del Kashmir, e si sono poi estesi a altre parti della Valle, con sassaiole da parte degli studenti. Le autorità scolastiche del Kashmir hanno annunciato che ‘per misura precauzionale’ resteranno chiuse le università e le scuole di ogni ordine e grado, almeno per oggi.

Le tensioni in Kashmir continuano almeno dal luglio del 2016, quando fu ucciso Burhan Wani, giovane comandante di un gruppo militante separatista, e si sono aggravate il 9 aprile scorso quando almeno otto persone sono state uccise in disordini.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.