lunedì, Agosto 10

Italiani e quarantena: quali sono i passatempi più gettonati? Gli italiani passano la maggior parte del loro tempo in casa, cucinando, facendo sport, giochi da tavolo, fitness e guardando film e serie tv

0

L’emergenza sanitaria provocata dal Coronavirus ha obbligato gli italiani a dover stare in sicurezza chiusi nelle proprie case. Il governo ha indotto una lunga quarantena e delle regole ferree sulle uscite.

Tutto ciò ha spinto gli italiani a dover affrontare lunghe giornate in casa e quindi a reinventarsi per scoprire nuove passioni o riprendere quelle vecchie che per via del poco tempo si erano messe da parte.

Stando agli studi fatti sulle ricerche su internet degli italiani e basandosi sulle condivisioni dei vari social network, vediamo quali in questo periodo sono state le attività svolte.

Gli italiani passano la maggior parte del loro tempo in casa, cucinando, facendo sport, giochi da tavolo, fitness e guardando film e serie tv.

Cucinare in quarantena

Cucinare in quarantena è stata una delle attività più amate e svolte dagli italiani.

I social esplodono di foto, video e ricette di ogni genere. Ovviamente la noia e il non poter uscire fa aumentare la fame e aver a disposizione molto tempo libero ha dato la possibilità a tutti di sperimentare in cucina.

Fra le ricette più gettonate e provate sono quelle per i dolci, la pizza ma soprattutto per il pane fatto in casa. come abbiamo anticipato, in periodo di quarantena le uscite sono molto limitate e accettate soltanto per motivati e importanti motivi. Fare la spesa quotidianamente quindi non è assolutamente permesso, per questo motivo gli italiani si sono sbizzarriti in cucina per poter prepararsi il pane e averlo sempre fresco.

Ma non solo pane fatto in case, anche la pizza e i cornetti friabili come quelli al bar sono state fra le ricette più cercate e cliccate.

Sport in casa

Con l’emergenza sanitaria e la chiusura di molte attività commerciali e non, anche le palestre ne hanno risentito. Durante la quarantena infatti tutti i centri sportivi e lo sport all’aperto non sono consentiti.

Per far fronte a questa mancanza, gli italiani hanno dovuto ritagliarsi degli spazi all’interno delle proprie abitazioni per poter fare un po’ di fitness.

Su internet i video di yoga, cardio e allenamenti di ogni genere sono stati fra i più visualizzati e cercati.

In casa, in effetti non è molto difficile riuscire a fare un po’ di sano sport. Bastano pochi attrezzi fai da te e della buona volontà e ci si può tenere in forma anche a costo zero.

lo sport oltre a far bene al fisico è un toccasana per allievare lo stress e le ansie, ottimo quindi quando si è obbligati a dover stare chiusi in casa per molto tempo.

Film e serie tv

Film e serie tv sono la passione e il passatempo preferito di tutti. Ma in quarantena più che mai i canali di streaming hanno avuto un boom assoluto.

Non potendo andare al cinema o al teatro e avendo molto tempo libero a disposizione, gli italiani hanno passato molti pomeriggi a guardare film e serie tv.

Canali di streaming quali Netflix, Disney+ (news entry nel mondo dello streaming), Chili, Sky e Amazon Prime hanno riscosso molto successo e durante il lockdown hanno raggiunte picchi di accessi mai visti prima d’ora.

Ma non solo tv, gli italiani hanno riscoperto il piacere della lettura. Tutti quei libri lasciati sul comodino con la promessa di essere letti prima o poi, finalmente hanno visto la luce e hanno fatto compagnia.

Anche i classici giochi da tavolo, come Monopoli, Risiko, Scarabeo e tanti altri si sono scrollati di dosso un po’ di polvere e hanno alleggerito i pomeriggi degli italiani.

Per i più piccini i famosi mattoncini della Lego e i puzzle sono stati fra i passatempi più gettonati.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore