sabato, Giugno 6

Italia senza via d’ uscita Qualunque cosa sia il popolo, nessuna ammucchiata potrà convincerlo a votarla

0

È normale che i leaders del centro sinistra stiano organizzando la grande ammucchiata repubblicana per respingere le destre (Lega e 5S) quando il centro sinistra ha governato gli ultimi cinque anni l’Italia facendo emergere le destre? Cosa c’è stato a fare Matteo Renzi e il PD se insieme hanno fatto crescere la voglia di destra e ora parte da lui e dal suo partito la grande ammucchiata contro la destra? Ma l’ha iniziata Renzi e il PD la destra, tra job act e buona scuola, tra attacco ai sindacati e furti ai correntisti con a capo il padre e il fratello della Boschi, renziana di ferro per interesse granitico, tra sberleffi a chi aveva idee diverse dal capo sino a comportamenti che mettevano davanti il bisogno di apparire di Renzi quando tutto gli suggeriva di togliersi di torno.

No, francamente non crediamo che sia sensato quel richiamo se chi ha governato non è riuscito a convincere gli elettori “democratici”. Matteo Salvini e Luigi Di Maio sono populisti perché il centro sinistra ha abbandonato il popolo scegliendo per le élite, rammaricandosi, il PD, di essere stato poco pro élite, come una sua parlamentare europea ha dichiarato.

Qualunque cosa sia il popolo, nessuna ammucchiata potrà convincerlo a votarla  ma, anzi, spingerlo ancora di più dalla parte di chi lo vuole rappresentare contro chi non l’ha rappresentato quando era il suo turno farlo. E il suo dovere storico.

Monta una rabbia populista che nessuna ammucchiata può arginare; anzi, ammucchiata di quel tipo la faranno aumentare. Il centro sinistra italiano ed europeo in genere ha completamente sbandato sui temi della globalizzazione, il lavoro, le banche e la finanza. Ha stretto patti con le banche, la finanza e i colossi della rete senza contrastare la progressiva perdita dei diritti dei lavoratori, che infatti sono ora cavalcati dalle destre. Imbrogliano le destre? Beh, cosa ha fatto il centrosinistra? Qualcuno ha sentito qualche leaders del centro sinistra denunciare lo squilibrio della ricchezza, qualcuno ha sentito qualche leaders del centro sinistra difendere il diritto dei lavoratori e qualcuno ha sentito qualche leaders del centro sinistra investire sull’istruzione e sulla scuola? Qualcuno – ancora –  ha sentito qualche leaders del centro sinistra difendere i risparmiatori dagli squali delle banche? Ce li aveva nel governo, gli squali. E quando non erano squali erano ignoranti come il Ministro dell’Istruzione Fedeli. È successo tutto il contrario di quello che il popolo si aspettava dal centro sinistra e quindi nessuno può davvero credere che sia un Calenda qualsiasi o un Renzi qualsiasi la risposta contro Calenda e Renzi (più tutti gli altri capi e capetti del centro sinistra).

Andremo a sbattere con Salvini e Di Maio? Ma cosa si crede, che non abbiamo già sbattuto? Almeno due volte il centro sinistra ha portato l’Italia a sbattere: la prima quando non ha cambiato la tendenza di far aumentare la ricchezza a chi già la possedeva, aumentando i poveri che pur un lavoro l’aveva. La seconda quando non aveva capito che, secondo quanto si dice, l’America di Bannon e la Russia di Putin sono i finanziatori di, rispettivamente, 5S e Lega, due realtà non amiche dell’Italia.

Tutti gli elettori del centro sinistra sono stati portati fuori strada così tanto che forse serve toccare il fondo, se questo potrà liberarli di tutta la classe politica del centro sinistra dagli anni ottanta sino ad arrivare alla vetrina delle vanità della Leopolda. La passerella del vuoto spinto.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore