giovedì, Dicembre 12

Italia: l’agenda politica del 2017 I principali appuntamenti politici del nuovo anno, dalla decisione sull'Italicum al Congresso del Pd

0

Se un anno fa ci fossimo chiesti cosa avrebbe significato il 2016 per la politica italiana la risposta non sarebbe stata troppo difficile. Quello che sta per terminare già si prefigurava come l’anno della verità per Matteo Renzi, con il futuro del suo governo, così come quello della sua carriera politica, legati pericolosamente (possiamo dirlo col senno del poi) al risultato delle amministrative. E soprattutto – ovviamente – a quello del referendum costituzionale. Cosa ci aspetta dunque nell’anno che sta per cominciare?
Questo è difficile da dire, oltre che a essere un’operazione rischiosa e forse anche di poca utilità.

Alzi la mano chi a quel tempo avrebbe immaginato – sondaggi alla mano e captando il clima politico generale gli stravolgimenti che avrebbero caratterizzato i dodici mesi a venire: tra il Movimento 5 Stelle alla guida di Roma e Torino fino alle dimissioni dell’ex premier post-referendum qui da noi, e gli shock alle urne britanniche e statunitensi, alcuni hanno indicato il 2016 come un anno di svolta per la politica internazionale.
Quello che però si può fare, mantenendo il focus solo sulle vicende italiane, è segnarsi quelle tappe obbligate della vita istituzionale che in modi più o meno incisivi andranno a caratterizzare il 2017, con l’eco di quanto avvenuto negli ultimi mesi che ancora si farà sentire.

Dall’1 gennaio l’Italia servirà come membro non permanente del Consiglio di Sicurezza Onu. Il seggio – assegnato su base biennale – sarà occupato dall’Italia solo per il 2017, essendosi il nostro Ministero degli Esteri accordato col proprio omologo olandese al fine di spartirsi equamente il periodo di servizio presso l’organo delle Nazioni Unite.
Un seggio in Consiglio di Sicurezza diviso tra due paesi è un’evenienza rarissima: è successo la prima volta nel 1955 con Jugoslavia e Filippine e pochissime altre.

Il 24 gennaio gli occhi di tutta la politica italiana saranno puntati sulla Corte Costituzionale. In questa data, infatti, i giudici della Consulta si pronunceranno sull’incostituzionalità dell’Italicum, concentrandosi in particolare sul premio di maggioranza, il ballottaggio e le candidature plurime.
In seguito all’epilogo dell’esperienza di governo renziana, la questione relativa alla legge elettorale è diventata il vero campo di battaglia per quelle forze politiche che – chi prima e chi dopo – vogliono andare ad elezioni sfruttando il trend del momento e con il sistema di ripartizione dei seggi in parlamento a loro più conveniente.
In seguito alla pronuncia della Corte Costituzionale dovrebbe iniziare l’iter che porterà a un’eventuale nuova legge elettorale. Su questa base si inizierà a parlare dell’inevitabile e fondamentale appuntamento alle urne, la cui data è ancora ben lontana dall’essere definita ma che quasi certamente rientrerà nel prossimo anno solare.

Visualizzando 1 di 2
Visualizzando 1 di 2

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore