giovedì, Agosto 13

Italia in Niger, obiettivo: terrorismo, migranti o fermare Macron? La missione Italiana nel Sahel, dai dati alla strategia

0

Ieri, 13 dicembre, è nata la ‘coalizione per il Sahel’ in occasione del summit francese nel castello di Celle-Saint-Cloud, vicino Parigi. Hanno preso parte all’incontro il Presidente francese, Emmanuel Macron, -fautore dell’iniziativa -,la cancelliera tedesca, Angela Merkel, il Premier italiano, Paolo Gentiloni, e i capi di Stato e di Governo dei paesi membri del G5 Sahel, Ibrahim Boubakar Keita (Mali), Mahamadou Issoufou (Niger), Roch Marc Christian Kaboré (Burkina Fasu), Idriss Deby (Ciad ) e Mohamed Ould Abdelaziz (Mauritania). Si sarebbero poi uniti al meeting anche il capo di Governo belga, Charles Michel, e esponenti del Governo saudita, statunitense e emiratino, insieme alle Nazioni Unite, l’Unione Africana e l’Unione Europea.

Nel mese di febbraio è previsto un secondo vertice (28 leader UE e 5 Sahel), coordinato dall’Ue, per definire un quadro politico dell’iniziativa di ieri, cui sembra si uniranno anche Senegal e Libia. L’obiettivo del vertice organizzato da Macron consiste nell’accelerazione delle operazioni portate avanti dal G5 Joint Force – una partnership tra cinque Stati nella regione africana del Sahel -, aumentando la mobilitazione militare, e l’impegno politico e finanziario. I leader si sarebbero riuniti per garantire più stabilità nella regione, supportando il suo sviluppo, e impegnandosi a sostenere il G5 Joint Force nella lotta al terrorismo e al traffico di esseri umani. L’iniziativa del Presidente francese punta ad ottenere l’ appoggio internazionale, così da rendere la Joint Force operativa il prima possibile. Macron, infatti, ha ritenuto “urgente invertire la tendenza” nel Sahel, dove «..i terroristi hanno registrato vittorie militari e simboliche» negli ultimi mesi.

Nella regione, infatti, l’estremismo è in costante crescita. Ad esempio, le forze di sicurezza locali e la missione di mantenimento della pace ONU – 12.000 membri – in Mali sono stati i primi obiettivi di gruppi jihadisti presenti nel Paese. Le zone più sensibili sono al confine del Mali, Burkina Faso e Niger. A dimostrarlo è la morte di quattro soldati statunitensi all’inizio di quest’anno.

Il crescente estremismo non preoccupa solo i Governi locali, ma l’interna Comunità internazionale. Lo dimostrano le numerose operazioni internazionali in corso nella regione. Il Paese in prima linea è la Francia, con la sua operazione Barkhane (sede centrale nella capitale del Ciad N’Djamena). Quest’ultima conta 4.000 soldati, ed è stata lanciata nell’agosto 2014 con lo scopo di proteggere la regione e combattere il terrorismo in collaborazione con attori regionali. Anche l’Onu è presente nel Sahel con la Missione di stabilizzazione in Mali, MINUSMA (sede a Bamako), composta da 10.000 soldati e 2.000 poliziotti. Vi sono, inoltre, numerose missioni di addestramento che vedono singoli Paesi – o organizzazioni – impegnati a addestrare e supportare le forze militari regionali, ad esempio l’EUTM, la Missione dell’Unione Europea in Mali, o l’Enduring Freedom-Trans Sahara, la missione statunitense.

L’impegno internazionale nel Sahel è massiccio, ma, a quanto pare, non è abbastanza. Nella regione, infatti, si trovano gruppi jihadisti affiliati a Al-Qaeda o allo Stato Islamico. A preoccupare i Governi locali, oltre al crescente estremismo nella regione, è la disfatta dello Stato Islamico in Siria e in Iraq. La caduta dell’ISIS, infatti, renderebbe ancor di più vulnerabile il Sahel. La zona rappresenterebbe un terreno fertile per tutti quei jihadisti scappati dalla Siria o dall’Iraq. Paesi instabili, dove vige il vuoto politico, scarsa inclusione, istituzioni deboli, povertà e debole controllo dei confini, rappresentano un terreno predisposto all’insorgere di gruppi estremisti, ed è per questo che la stabilità nella regione diviene ancor più importante nella lotta al terrorismo.

Secondo il Presidente maliano, Ibrahim Boubacar Keita, è possibile che i combattenti ISIS, una volta fuggiti dall’Iraq o dalla Siria, possano insediarsi nel Sahel. Ha, infatti, dichiarato nella conferenza stampa post-summit che «…Oggi è urgente ottenere rapidamente risultati nella lotta contro il terrorismo», avvertendo di una possibile corsa jihadista dal Medio Oriente all’Africa occidentale.

Questo contesto ha spinto Macron a incontrare i leader del G-5 Sahel, insieme alla cancelliera Angela Merkel e il premier Gentiloni. Il summit di ieri ha avuto, dunque, la funzione di rinforzare il supporto finanziario e militare al G5 Sahel Joint Force. Quest’ultima è l’’Unione delle forze’ militari del Mali, Niger, Burkina Fasu, Ciad e Mauritania. Coinvolge 5000 soldati e ufficiali di polizia dei Paesi membri del G5 Sahel. Secondo il Ministero della Difesa francese, la Joint Force sinora avrebbe realizzato una sola operazione di prova (350 forze del Burkina Faso, 200 del Niger e 200 del Mali). Il quartier generale si trova a Sévaré, nel Mali centrale, e la Joint Force è appoggiata da Francia – ha inviato 4000 soldati – , Germania, Italia, UE, Unione Africana, Stati Uniti e Arabia Saudita. Le sue operazioni, oggi, sono concentrate sui confini maliani, dove sono aumentati gli attacchi da parte di gruppi jihadisti contro le forze governative e forze Onu.

L’obiettivo principale della ‘Forza Congiunta’ è migliorare la sicurezza lungo i confini attraverso il potenziamento della cooperazione e lo schieramento di pattuglie congiunte, in modo da intercettare il flusso di gruppi terroristici e trafficanti.

Il vertice di ieri ha raggiunto, come primo obiettivo, il finanziamento da parte di potenze straniere, volto a rendere più efficace e ad accelerare l’operatività della Joint Force. Secondo il bilancio stimato, servirebbero 423 milioni di euro per supportarla e, con il vertice a Parigi, sono stati raggiunti 250 milioni di euro. L’Arabia Saudita avrebbe, infatti, promesso 100 milioni di euro, 30 milioni gli Emirati Arabi Uniti, gli Usa 60 milioni di dollari (51,5 milioni di euro) che si aggiungerebbero ai 50 milioni di euro stanziati dall’Unione Europea lo scorso settembre.Il grande assente, però, rimane l’Algeria, un attore fondamentale per gli equilibri e le dinamiche politiche regionali.

Dal vertice, inoltre, emerge una seconda considerazione importante che riguarda l’Italia. Il premier Gentiloni ha annunciato che, dopo aver ottenuto l’approvazione del Paramento, l’Italia si impegnerà – già nelle prossime settimane – in una missione di addestramento delle forze nigerine della G-5 Jint Force. Gentiloni, in occasione del vertice, ha ricordato che la stabilità del Sahel è un interesse crescente sia per l’UE che per Roma. La regione è fondamentale nella lotta al terrorismo, ma anche per la questione dei migranti. Ha aggiunto, poi, il Premier che l’impegno italiano sara’ collegato a quello già effettivo in diverse missioni internazionali. Una parte dell’impegno militare italiano, infatti, potrebbe provenire dal contingente presente in Iraq – 1000 soldati italiani -. Pertanto, l’Italia starebbe rinforzando le relazioni bilaterali con il Niger per prevenire e contrastare il traffico di esseri umani, i flussi migratori e la minaccia terroristica.

L’impegno militare italiano, secondo quanto dichiarato ieri da Gentiloni, comprenderebbe esclusivamente l’addestramento delle truppe locali. L’esempio statunitense però, può lasciar sorgere qualche dubbio. Da anni, infatti, gli Stati Uniti sono formalmente presenti nella regione per fornire supporto e addestramento alle truppe locali ma, secondo numerose fonti, i militari USA sarebbero più che operativi, e l’incidente dello scorso 6 ottobre ne è forse la prova. L’Italia seguirà le orme statunitensi in Niger?

Visualizzando 1 di 2
Visualizzando 1 di 2

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore