venerdì, Agosto 14

Israele: a Tel Aviv marcia contro Netanyahu Numerosi in piazza per contestare il primo ministro

0

Diverse migliaia di israeliani hanno dato luogo a Tel Aviv ad una marcia di protesta contro il primo ministro Benyamin Netanyahu. Quella che è stata rinominata “marcia della vergogna“, svoltasi in uno dei quartieri più ricchi della città, era diretta anche contro una nuova legge che vorrebbe limitare il potere della polizia nell’ annunciare le incriminazioni al termine delle indagini. Gli organizzatori della manifestazione sono gli stessi che, tutte le settimane, protestano davanti alla residenza del procuratore generale di Israele, Avishai Mandelblit, accusandolo di non fare nulla per velocizzare le indagini.

Vergogna“, “Netanyahu deve andare a casa” questi alcuni degli slogan urlati durante la manifestazione. A detta dei contestatori, il provvedimento, che dovrebbe approdare oggi in seconda lettura al Parlamento, sarebbe stato costruito per proteggere Netanyahu. Egli è stato, infatti, interrogato più volte dalla polizia nel corso delle indagini per due diverse inchieste, riguardanti i doni illeciti che gli sarebbero stati fatti da un produttore di Hollywood e un accordo con l’editore di Yedioth Aharonot per conquistare una copertura giornalista che gli fosse più favorevole.

Netanyahu ha sempre respinto ogni accusa dicendo che «non accadrà nulla, perché non nulla è accaduto» . Ma in migliaia stentano a credere alle sue parole e manifestano contro la corruzione politica.

(Video tratto dal canale Youtube euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore