domenica, Settembre 20

Islamic Fashion: un mercato da 484 miliardi di dollari field_506ffbaa4a8d4

0
1 2


I designer di moda creano collezioni ‘islamiche’?

Per fortuna questo mercato è benedetto da consumatori che sono particolarmente fedeli e devoti, tanto che l’iFash e lo stile di abbigliamento sobrio che caratterizza questo filone non sono mode passeggere per i musulmani. Ciò significa che se un marchio riuscirà a convincere questo segmento di audience, avrà conquistato un consumatore fedele per tutta la vita. Sarà un pubblico “asservito” per sempre alla causa dell’iFash qualora il marchio dimostri di essere in grado di comprenderlo. Questo mercato è abbastanza grande per tutti i designer, musulmani e non musulmani. Sia che lei sia un designer che proviene dall’Italia o che venga dai Paesi della Cooperazione del Golfo, può essere sicuro che esiste un settore “forte” in attesa di essere conquistato. Tutto ciò a condizione che gli addetti ai lavori siano in grado di comprendere il profilo dei consumatori. È qui che noi entriamo in gioco, aiutiamo i rappresentanti dell’industria a interpretare meglio le esigenze di questo mercato per evitare problemi ed errori. L’IFDC è stato lanciato sul mercato circa un anno fa ma le richieste degli stakeholder arrivano da ogni parte del mondo. La domanda in questo mercato non può essere circoscritta in una singola regione. Finché la richiesta a livello mondiale continuerà a crescere velocemente come adesso questo mercato e le opportunità per i designer aumenteranno esponenzialmente.

Alia Khan IFDC

Qual è lo stile fashion preferito dalle donne musulmane?

Questo è ciò che è più sorprendente nell’iFash. Le donne islamiche non si preoccupano delle stagioni, di ciò che è ‘in’ adesso e di ciò che lo era qualche stagione fa. È una situazione che non si verifica generalmente e speriamo di salvaguardare questa tendenza. Non esiste una lista dei vestiti più eleganti oppure, Dio ce ne scampi, una lista degli abiti peggiori. L’importante è rispettare gli individui e apprezzare qualsiasi look. La questione cambia a seconda dei posti. Nei Paesi della Cooperazione del Golfo il nuovo look dell’abaya (indumento femminile usato in alcuni Paesi musulmani, soprattutto nel Golfo Persico, che copre tutto il corpo eccetto testa, piedi e mani, ndr) sta diventando sempre più eccitante perché tende a essere un capo di abbigliamento esterno scelto proprio dalle donne. Negli Stati Uniti, ad esempio, questo vestito potrebbe essere paragonato alle gonne fluide alle quali Grace Kelly abbinava una sciarpa, un foulard e magari anche un paio di occhiali da sole. Ciò che è ancora più eccezionale è che la tendenza che ho appena descritto non rappresenta una regola rigida. Le persone vengono rispettate per la sobrietà con cui vestono sia che appartengano a un certo stile o che non vi appartengano.

Qual è lo stile ideale per le donne musulmane?

Tutti gli stili sono ideali. Anche questo è un discorso che evitiamo perché l’Islam non incoraggia le persone a giudicare gli altri. Una donna che non copre il proprio capo o che veste in modo sobrio potrebbe possedere caratteristiche straordinarie dalle quali tutti noi potremmo imparare qualcosa. Analogamente una donna che si copre con il velo e che appare conservatrice nel suo look potrebbe finire per diventare una grande studiosa nel suo campo (è accaduto tante volte) e un modello per tutte le società. Noi crediamo che la parola “ideale” non discrimini e non debba discriminare.

IFDC Designer_scarves from Annada

Cosa pensa del progetto degli emiri di Dubai che hanno l’obiettivo di dare vita al ‘Dubai Design District (D3)’?

Il Dubai Design District è un progetto regionale che punta a creare un’area accentrata nella quale tutti i portatori di interessi del settore della moda possano operare. Noi elogiamo quest’iniziativa nel suo tentativo di favorire lo sviluppo del design. Credo che tale progetto abbia un potenziale enorme e sono elettrizzata al pensiero di quanto talento possa essere attratto e sviluppato grazie al ‘Dubai Design District’.

Le donne musulmane amano lo stile della moda italiana?

E chi non lo ama?! La moda italiana è incredibile, basta pensare alle numerose e grandissime case di moda note fuori dai confini italiani. Chiunque può trovare ciò che gli piace. Voi avete grandi stili improntati alla sobrietà nati da alcuni dei più grandi nomi della moda. Non solo noi celebriamo lo stile italiano ma lo agevoliamo con i nostri servizi di consulenza. Siamo incoraggiati dall’interesse che il governo italiano ha dimostrato nell’iFash. I rappresentanti dello stato italiano hanno compreso il valore e le opportunità associate all’industria della moda islamica e si sono dimostrati intraprendenti e intenzionati a sviluppare il proprio interesse per il settore della moda sobria. Stiamo programmando di collaborare con l’Italia in un futuro non così lontano e stiamo discutendo con il vostro governo a proposito di questa eventualità.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore