domenica, Ottobre 25

Isis: la battaglia di Raqqa mette a rischio la diga di Tabqa

0

Continua in Iraq la battaglia per la conquista di Raqqa. La coalizione internazionale continua i suoi attacchi ma l’Isis lancia l’accusa: i recenti e continui bombardamenti stanno per portare al crollo della diga di Tabqa. In un comunicato dell’agenzia ‘Amaq‘, lo Stato Islamico fa sapere anche di aver ordinato l’evacuazione di Raqqa 27

Secondo le ultime informazioni, che arrivano anche dall’Isis, il livello dell’acqua del bacino di Tabqa sta salendo a causa delle recenti piogge e a conferma di ciò arriva anche un comunicato dell’Osservatorio siriano per i diritti umani. La grande diga sull’Eufrate, quella di Tabqa, costruita nel 1970 con l’aiuto della Russia e il più grande bacino artificiale del Paese, è sotto il controllo dell’Isis dal 2013. In realtà gli Stati Uniti accusano i militanti dell’Isis di agire su questa per limitare l’accesso all’acqua agli iracheni nella provincia di Anbar, oltre che a Raqqa, in Siria.

«I bombardamenti nel settore hanno messo fuori servizio la centrale elettrica che fornisce l’elettricità alla diga», fa sapere una fonte tecnica alla ‘France Presse‘. «La riparazione non è possibile perché non vi è sufficiente personale disponibile a causa degli intensi bombardamenti (…) Se il problema non sarà risolto, ci saranno dei seri pericoli per la diga».

(video tratto dal canale Youtube World Conflict Films)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.