domenica, Ottobre 25

ISIS? Guai a darlo per morto Quello che più preoccupa è l'ideologia, che rimane nonostante la caduta dello Stato Islamico

0

La battaglia di Raqqa è stata vinta. L’ultimo vero bastione dell’ISIS è stato riconquistato. Ma questo non vuole dire però che lo Stato Islamico non esista più. Certamente ha perso uomini e territori, ma gli analisti non lo considerano finito. Anzi la vera anomalia per il gruppo jihadista era avere un territorio in forma di stato. Quello che più preoccupa è l’ideologia, che rimane nonostante la caduta dell’ISIS.

Secondo Paolo Magri, vicepresidente dell’Ispi, intervistato da ‘Vanity Fair‘, «la perdita di territorio e della capitale Raqqa non garantisce la scomparsa della minaccia. Per comprendere come lo Stato islamico e i gruppi jihadisti evolveranno a lungo termine, bisogna osservare le cause profonde della loro ascesa e del loro consolidamento. Al di là del contrasto militare effettuato sul terreno, se tali cause continueranno a persistere, il jihadismo continuerà a proliferare seppur tra fasi di ripiegamento e di ripresa».

«Una parte dei combattenti è rimasta in Siria e Iraq a combattere; altri sono già stati uccisi. Altri ancora tenteranno di tornare nei propri Paesi di origine. Altri combattenti potrebbero spostarsi in un’altra zona di conflitto». Dunque ora il pericolo si sposta ‘in casa’: «I reduci possono avere prospettive diverse: alcuni potrebbero essere disillusi; altri potrebbero tentare di organizzare attentati. Altri ancora, poi, pur non pianificando attentati, potrebbero comunque fungere da agenti radicalizzanti o svolgere un ruolo secondario, di sostegno per le cellule terroristiche».

(video tratti dai canali Youtube della BBC e del Telegraph)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.