giovedì, Aprile 25

Iran: è iniziato il festival internazionale del cinema a Teheran E' iniziata la 36esima edizione con il nuovo film del regista iraniano Majid Majid intitolato "Beyond the Clouds"

0

Si è aperta a Teheran la 36ma edizione dell’International Film Festival con il nuovo film del regista iraniano Majid Majid intitolato “Beyond the Clouds“, girato in India e che racconta la storia di un fratello e una sorella nei quartieri poveri di Mumbai. Il film Festival vuole celebrare i 120 anni della storia del cinema iraniano.

Il direttore del Festival è da ormai tre anni il noto regista iraniano Reza Mirkarimi,: «Ho assunto la responsabilità del Festival solo ad una condizione: nessuna inteferenza da parte delle autorità. Tutte le scelte di contenuto che riguardano il Festival possono essere prese solo da me e dai miei collaboratori. Negli ultimi anni l’interferenza è stata davvero minima, grazie all’attitudine positiva del governo. Quindi siamo riuciti a fare il nostro lavoro liberamente» ha detto Mirkarimi.

Negli ultimi tre anni, i registi iraniani sono stati al centro delle cronache cinematografiche per aver vinto prestigiosi premi a livello internazionale, tra cui gli Oscar, ma anche per aver dovuto affrontare, come nel caso di Mahammad Rasoulof o Jafar Panahi, le conseguenze della censura ed esser stati costretti a lasciare il Paese,

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore