venerdì, Settembre 18

Iran: cercasi acqua disperatamente Quello che sta accadendo al lago Urmia è solo un esempio dei problemi idrico-ambientali che stanno emergendo in tutto l'Iran

0

Le tempeste di sale sono una minaccia emergente per milioni di persone nell’Iran nord-occidentale, grazie alla catastrofe del lago Urmia. Urmia, una volta uno dei laghi salati più grandi del mondo e ancora il più grande del paese, è ora appena un decimo delle sue dimensioni precedenti.

Secondo , man mano che le acque si ritirano, estese saline vengono lasciate esposte al vento. Queste tempeste stanno diventando più salate e ora si verificano più spesso, anche nelle stagioni fredde e piovose dell’anno. Man mano che più secchezza scoprono più saline, le cose peggioreranno.

Le tempeste di sale rappresentano una minaccia diretta per la salute respiratoria e la vista di almeno 4 milioni di persone che vivono nelle aree rurali e urbane intorno al lago Urmia. L’aumento della salinità del suolo – affermano gli studiosi- riduce la resa delle colture agricole e frutticole coltivate intorno al lago, mentre il lago si è ridotto così tanto che la navigazione non è più possibile, con conseguente perdita di turismo.

Questo drammatico declino è dovuto all’attività umana. Negli ultimi tre decenni, spiegano i tre scienziati dell’Università di Stoccolma, l’Iran ha seguito una serie di piani di sviluppo economico quinquennali, parte dei quali prevedeva l’erogazione di ingenti prestiti governativi al settore agricolo per espandersi e passare dall’essere alimentato principalmente dalla pioggia all’irrigazione. Per fornire l’acqua necessaria alle fattorie, nonché per un crescente uso domestico e industriale, sono state costruite più di 50 dighe sui fiumi che drenano gran parte dell’Iran nordoccidentale e sfociano nel lago.

Mentre queste dighe hanno sottratto l’acqua che un tempo alimentava il lago, il processo di essiccazione è stato intensificato dai cambiamenti climatici. Il tasso di piovosità si è ridotto negli ultimi decenni e il bacino di Urmia ha conosciuto diversi periodi di siccità pluriennali.

Tutto ciò ha lasciato un lago enormemente ridotto e una serie di impatti economici, sociali e sanitari associati. Eppure quello che sta accadendo al lago Urmia è solo un esempio dei problemi idrico-ambientali che stanno emergendo in tutto l’Iran.

Il Paese – dicono gli studiosi – ha 30 bacini fluviali principali e i due studiosi hanno raccolto tre decenni di dati idroclimatici chiave per ciascuno, tra cui temperatura superficiale, precipitazioni, quanta acqua è stata immagazzinata sottoterra nel suolo e nella roccia, deflusso superficiale (la quantità di acqua piovana in eccesso che non può essere assorbito dal suolo), e misure di evaporazione e traspirazione dalle piante.

Hanno quindi calcolato i valori medi di ciascuna di queste variabili su due periodi di 15 anni, 1986-2001 e 2002-2016, e li hanno confrontati. Questo gli ha permesso di vedere cosa stava cambiando in ciascuno di questi bacini e di quanto.

Il loro lavoro ha dimostrato che i principali bacini fluviali dell’Iran si sono riscaldati ma stanno ricevendo meno precipitazioni, stanno immagazzinando meno acqua nel sottosuolo e vedendo meno deflussi.

Alcuni bacini fluviali dove le precipitazioni e il deflusso sono diminuiti hanno ancora visto un aumento dell’evapotraspirazione (somma di evaporazione e traspirazione della pianta). Questo può sembrare strano all’inizio, poiché meno acqua piovana significa sicuramente che c’è meno acqua da evaporare o che le piante traspirano. Il lago Urmia, ad esempio, è un bacino ‘ endoreico’, il che significa che nulla ne esce e tutta l’acqua che scorre alla fine evapora (questo è il motivo per cui il lago è salato). Ma perché l’evapotraspirazione sarebbe effettivamente aumentata, anche se il bacino è alimentato da meno acqua?

Questo è in realtà un indicatore dell’attività umana. In primo luogo, tutte quelle dighe generalmente aumentano la superficie del corpo idrico, rispetto al flusso naturale prima della costruzione della diga. Laghi e bacini artificiali, quindi, lasciano più acqua esposta all’aria e alla luce solare diretta, aumentando così l’evaporazione.

Ma dipende anche dall’agricoltura. Man mano che vengono coltivate più colture, più acqua è traspirata dalle piante e più acqua è necessaria per far crescere quelle piante.

Questo uso dell’acqua per mantenere ed espandere le attività umane è insostenibile e ha gravi conseguenze ambientali e socio-economiche, in particolare in questa parte arida del mondo, come si è visto dai cambiamenti nel lago Urmia. Secondo i tre esperti, Teheran deve mitigare i cambiamenti idrologici avversi e gli impatti socioeconomici, ambientali e sulla salute associati e muoversi verso qualcosa di più sostenibile.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore