martedì, Luglio 16

Internet 5G, la rivoluzione della connettività arriva in Italia Il conto alla rovescia verso la rivoluzione che trasformerà definitivamente le connessioni in mobilità è iniziato. Le attuali reti mobili 4G verranno superate dalla potenza e dalla velocità dell’attesissimo Internet in 5G, a breve disponibile anche in Italia

0

Immaginate di poter scaricare un film in pochi secondi dal vostro cellulare, di poter guardare in streaming la vostra serie tv preferita mentre viaggiate, di divertirvi giocando a blackjack o di lavorare in videoconferenza senza nessuna fastidiosa interruzione. Fino ad oggi non è stato così semplice ma, a breve, grazie al lancio della rete 5G (una velocità di connessione superiore a quella delle reti 4G di circa mille volte) tutto ciò sarà realtà.

In particolare, come ha spiegato il direttore del centro di ricerche NYU Wireless Ted Rappaport, le nuove celle di rete assicurano velocità in grado di raggiungere 20Gbps in fase di download e 10Gbps in upload. Per l’utente singolo, invece, la velocità di navigazione si aggirerà intorno ai 100 Mbps in download e 50 Mbps. Dunque, si tratterà di una connessione fino a 20 volte più veloce della rete 4G e con una velocità di download fino a 10 volte superiore.

Ma la grandezza di questo progetto sta soprattutto nella sua applicabilità in numerosi ambiti scientifici come le industrie in generale, il settore sanitario e quello dei trasporti che, inevitabilmente, troveranno dei vantaggi mai vista prima d’ora e renderanno ancor più concreto il fenomeno chiamato Internet delle cose, quello che non ha a che fare soltanto con smartphone e tablet ma che riguarda ogni genere di robot, macchinario, piccolo o grande elettrodomestico, automobile o velivolo.Sono ormai noti, infatti, gli esempi di telemedicina in cui i robot assistono i medici durante le operazioni o le macchine che guidano autonomamente e si parcheggiano da sole: tutto ciò diventerà presto quotidianità.

Tra i Paesi che hanno accolto con maggiore entusiasmo il richiamo dell’Internet 5G vi sono le industrie degli U.S.A, quelle turche e quelle coreane. Anche è la Svizzera un altro paese che, per il momento, sta compiendo passi da gigante in direzione rete 5G. La Swisscom, infatti, sta lanciando in Svizzera una copertura 5G che entro la fine dell’anno riuscirà a raggiungere tutto il territorio nazionale.

Non è da meno neanche la nostra penisola che non si è lasciata sfuggire l’occasione di mettere alla prova la quinta generazione della connettività e per questo, lo scorso marzo, l’Italia ha dichiarato pubblicamente le 5 città in cui sono state installate le reti e si potranno sperimentare le prestazioni del 5G e i progetti-test ad esso associati.

Infatti, mancano ormai poche settimane e, finalmente, Milano (coperta quasi totalmente da Vodafone), Prato, L’Aquila, Bari e Matera potranno cominciare a godere dei vantaggi del G5. A queste si sono successivamente aggiunte la città di Torino, a seguito di un accordo con la TIM ha concluso con l’amministrazione locale torinese, nel quale si prevede la messa a disposizione della banda mobile per tutta la città a partire dal 2020, e la Capitale, in cui è stato siglato un accordo con Fastweb.

Oltre alla netta differenza in termini di velocità, le reti 5G, rispetto al 4G, garantiscono un tempo di latenza nettamente inferiore, facendo sì che i tempi di risposta tra dispositivi mutino dai 20 millisecondi (circa) necessari attualmente ad 1 solo millisecondo sufficiente con connessione in 5G. In parole povere, tutto ciò implica un’altissima risoluzione per i contenuti live e streaming (come le videochiamate o le telepresenze) che andremo a visualizzare nei nostri dispositivi. Anche questo importante traguardo, senza dubbio, è un grosso passo in avanti in ambito tecnologico in grado di migliorare notevolmente la piacevolezza dell’esperienza dell’utente nel corso della navigazione.

Anche nei termini dell’efficienza energetica si riusciranno a compiere dei passi in avanti da non sottovalutare. In particolare, le reti 5G consentiranno ai nostri dispositivi di consumare fino al 90% in meno dell’energia che attualmente consumano mentre navighiamo attraverso le reti 4G.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore