martedì, Luglio 16

In calo le bollette ad aprile, ma il mercato libero rimane ancora il più conveniente Per il 2019, si prevede che si arriverà a spendere circa 505 euro, contro i 604 euro del mercato tutelato

0

Sono finalmente in arrivo delle buone notizie per le famiglie italiane per quanto riguarda il settore bollette: stando alle ultime ricerche, dopo un continuo aumento dei prezzi per aprile è stato misurato un calo delle tariffe di luce e gas. Un po’ come accaduto lo scorso anno, anche questo primo trimestre è culminato in un trend al ribasso per quanto concerne i sopracitati costi. Nello specifico, si parla di un -8,5% in termini di elettricità e di un -9,9% per quanto riguarda il gas. Nonostante l’ottima novità, non bisogna comunque pensare di adagiarsi sugli allori: un nuovo studio ha dimostrato infatti che questo calo non sarà sufficiente e che non basterà ad Arera per tornare ad essere competitiva. Il tutto per via del fatto che il mercato libero, anche alla luce dei cali di quello tutelato, continua a rivelarsi ancora oggi la scelta più conveniente.

Luce e gas: grazie al mercato libero si risparmia ancora

È un trend che non conosce pause e che non sembra volersi arrestare: il mercato libero continua a rivelarsi come la soluzione più conveniente in assoluto, con un risparmio in termini percentuali che si fa sempre maggiore dal ‘lontano’ 2017. Chi ha scelto di passare al mercato libero in quell’anno, infatti, ad oggi ha visto più che raddoppiare il risparmio sulle proprie bollette energetiche domestiche. A livello di numeri, ecco cosa è emerso dagli studi di settore: nel 2017 gli utenti del mercato libero hanno speso in forniture elettriche 484 euro (circa 50 euro in meno rispetto alle tariffe Arera), mentre nel 2018 si è scesi a 478 euro (con un risparmio netto di quasi 100 euro). E le proiezioni per questo 2019 sembrano voler continuare su questo trend, visto che si prevede si arriverà a spendere circa 505 euro, contro i 604 euro del mercato tutelato.

I consigli per passare al mercato libero dell’energia

In primo luogo è necessario certamente valutare la convenienza delle offerte, ma anche la qualità del servizio non deve essere sottovalutata e, anzi, è necessario puntare a trovare il miglior compromesso fra i due elementi.  Per fare un esempio, se si ha fretta ci si può rivolgere a operatori particolarmente presenti sul territorio, che sappiano quindi accompagnare adeguatamente l’utente verso la voltura luce senza alcun problema come Vivigas ad esempio. In secondo luogo, conviene sempre richiedere un preventivo basato su una proiezione annua, specialmente per via del fatto che i prezzi sono variabili. Inoltre, prima di procedere è il caso – bolletta alla mano – di misurare esattamente quali sono le vostre esigenze, basandovi dunque quelli che sono i vostri consumi attuali nelle diverse fasce. Attenzione infine a evitare di cedere alle offerte che gli operatori fanno per telefono: più che altro perché, con la documentazione di fronte, è più facile capire se una certa proposta conviene più di altre.

Nonostante il calo delle bollette di aprile, dunque, il mercato libero resta ancora più vantaggioso di quello tutelato: informarsi maggiormente su quelle che sono le sue opportunità deve quindi essere il primo passo per tutti coloro che davvero desiderano capire come risparmiare.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore