venerdì, Settembre 18

In arrivo ‘Mario’, il robot che assiste gli anziani L' obiettivo dei ricercatori del progetto europeo è aiutare i pazienti affetti da demenza

0

L’ obiettivo dei ricercatori del progetto europeo “Mario-project” è aiutare i pazienti affetti da demenza grazie a un robot che può comunicare con i malati, suonare musica e fornire le notizie quotidiane. 

«Le persone affette da demenza potrebbero non ricordare alcune delle normali attività quotidiane ma ricordano tutte le parole di queste canzoni che risalgono alla loro gioventù. E’ davvero qualcosa di emozionante da vedere, e dona loro molta felicità» dice Adam Santorelli, Ingegnere presso l’Università Nazionale d’Irlanda che prosegue: «Qualcosa di semplice come scegliere se suonare musica o selezionare una canzone, sono attività quotidiane ma che spesso risultano molto impegnative per una persona malata.Quindi quello che pensavamo fosse molto semplice, quando abbiamo iniziato a testare il robot, dopo, abbiamo scoperto, che poteva essere qualcosa di veramente difficile per una persona affetta da demenza. Si tratta di un processo interattivo, quindi per prima cosa abbiamo studiato un progetto, l’abbiamo testato e ci siamo resi conto che poteva essere troppo complicato. Abbiamo chiesto agli ingegneri del software di modificare queste opzioni per renderlo più semplice da usare con i pazienti affetti da demenza»

Per Dympa Casey, Coordinatore del progetto europeo, Mario potrebbe essere in vendita tra 5 o 6 anni. «Potrebbe entrare sul mercato anche prima, perché la tecnologia e la velocità con cui le innovazioni diventano realtà, sono molto veloci ora, quindi potrebbe essere messo in commercio presto. Certo prima di fare questo bisogna che tutto sia rifinito al punto giusto».

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore