venerdì, Ottobre 18

Il turismo in Grecia ritrova la sua gloria passata 40

0

grecia_acropoli

Nel 2012 la crisi ha colpito il turismo greco, la più grande risorsa dell’economia nazionale. Negli ultimi due anni la situazione è radicalmente cambiata. 

Secondo i dati ufficiali preliminari, da gennaio a marzo di quest’anno, 1.187.000.000 turisti hanno scelto la Grecia come destinazione. C’è stato un aumento del 18,2% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Certo, vi è un aumento degli arrivi di turisti stranieri in Grecia, e questo è il motivo per cui il la stampa nazionale e internazionale parla di una crisi al tempo passato per il settore del turismo. Quest’anno sarà raggiunto un altro record, con 19 milioni di arrivi internazionali e 13.000.000.000 € di reddito diretto.

Xenophon Petropoulos, Responsabile Comunicazione e Relazioni Pubbliche di SETE (Confederazione del Turismo greco) ha risposto alle nostre domande.

 

Siamo di fronte a un boom o il turismo greco ha l’infrastruttura per supportare questa crescita?

Il turismo greco non si trova a questo livello per semplice caso. Negli ultimi anni, durante la crisi, il settore è riuscito a raggiungere i propri obiettivi e a confermare che si tratta di uno dei pilastri fondamentali per la ripresa dell’economia greca. Nei prossimi 8-10 anni, il turismo diventerà una forza trainante dell’economia greca, con oltre il 35% e il 38% del potenziale di crescita complessiva in termini di valore aggiunto lordo (VAL) e occupazione, rispettivamente. I visitatori internazionali saranno tra 22 e 24 milioni e allo stesso tempo aumenterà la spesa media per viaggio. Il contributo totale di valore aggiunto sarà 41-44 miliardi di € (+ 16 rispetto ai 17 di oggi) e circa 1 milione di occupati (300 mila nuovi posti di lavoro rispetto a oggi). Sarebbe necessario un aumento dell’investimento medio annuo di circa 3,3 miliardi di dollari all’anno per i prossimi otto anni. Tali investimenti sono legati alla riqualificazione mirata delle strutture esistenti (250 000 posti letto a 4* e 5* stelle), la creazione di nuove infrastrutture di qualità e capacità di accoglienza. 

 

Questa è stata una “sorpresa” in qualche modo prevista, ma non è stato affatto piacevole e ha colpito il turismo greco il fallimento del tour operator russo “Labirint”, che portava in Grecia i turisti russi. L’aumento degli arrivi è in grado di coprire le perdite dovute alla crisi ucraina russa e al fallimento dell’agenzia di viaggi Labirint?

Secondo le informazioni disponibili, negli ultimi sette mesi vi è stato un aumento del 16,5% rispetto allo stesso periodo del 2013. Si stima che 19 milioni di arrivi internazionali saranno raggiunti senza difficoltà, nonostante i problemi derivati dalla crisi ucraina. In effetti, il funzionamento del mercato turistico russo ha caratteristiche di ‘bolla’, e ci si aspettava un momento di gravi conseguenze. Tuttavia, la crisi attuale ha un aspetto positivo, in quanto porta al consolidamento e alla ristrutturazione del mercato, con ottime prospettive a medio termine (2,5 milioni nel 2021).

 

C’è stato un rapido declino del turismo interno. Questo effetto diventa evidente nel mercato del turismo?

Dal 2008 abbiamo perso quasi il 50% del turismo interno, con tutte le conseguenze che si possono immaginare, per le imprese locali e del turismo che sono legati alle economie del turismo interno. Ma il 2014 è stato il primo anno ad aver mostrato un aumento dal 6% all’8% nel turismo interno.  Il classico prodotto ‘sole e mare’ è il vantaggio principale di tutte le nostre destinazioni, con un’occupazione chiave che spesso tocca 100%. Le isole greche sono sempre la prima scelta dei turisti. Tuttavia, si dovrebbe notare che quest’anno Atene ha fatto una grande rimonta, con un incremento del 30% rispetto allo scorso anno.

 

Traduzione di Valeria Noli @valeria_noli

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore