venerdì, Luglio 10

Il riassunto del 2017 in 9 minuti Il clima impazzito, i razzi della Corea del Nord, i Paradise Papers. Sono questi alcuni dei fotogrammi dell'anno che sta per finire

0

Il clima impazzito, i razzi della Corea del Nord, i Paradise Papers. Sono questi alcuni dei fotogrammi del 2017, l’anno che sta per chiudersi. Si è parlato sin troppo di crisi politiche, guerre sfiorate, catastrofi ambientali.

Sicuramente è spiccato in questo 2017 Donald Trump, il tycoon che ha preso il posto di Barack Obama, e che passo dopo passo sta smantellando la politica del suo predecessore. Ma il nuovo presidente, con le sue decisioni ,sta creando anche subbuglio in ambito internazionale. Dai rapporti con la Cina a quelli con la Ue, fin oad arrivare ad Israele e all’intero Medioriente. Per non parlare poi degli scandali come il Russiagate.

Il 2017 è stato l’anno dell’uragano Irma che ha travolto la Florida e degli incendi che si sono mangiati mezza California. Un anno che invece ha visto crollare l’Isis mentre l’Europa, sempre più fragile, è sempre più divisa e preda delle tentazioni dei movimenti antisistema.

In Europa poi c’è stata la questione Catalogna a caratterizzare il 2017, mentre nel mondo, negli ultimi mesi, son ostati gli scandali sessuali a farla da padrone. Primo fra tutti quello che ha coinvolto il più potente produttore cinematografico statunitense, Harvey Weinstein, che ha dato il via ad una valanga di confessioni.  Tutto questo e molto altro in questo video che vi proponiamo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.