giovedì, Agosto 13

Il primo carcere costruito e gestito da privati Dall'edilizia carceraria alla gestione di un gran numero di servizi, tutto ai privati

0
1 2


Molti ricorderanno che con il decreto Salva Italia, pubblicato sulla ‘Gazzetta Ufficiale‘ il 27 dicembre 2011, il Governo Monti varò un pacchetto di manovre pesanti, fra cui quella sulle pensioni, passate al metodo contributivo per tutti (la cosiddetta riforma Fornero). Ma non solo. Ci furono anche l’aumento dell’Iva di due punti percentuali e diversi altri interventi secondo la logica delle privatizzazioni.
Il Salva Italia, all’art. 43, previde anche di affidare ai privati ledilizia carceraria (con il finanziamento delle fondazioni bancarie per almeno il 20 per cento) e la gestione dei servizi necessari allinfrastruttura per ventanni, esclusa la custodia dei detenuti. Tecnicamente questo modello si chiama project financing.
Sta quindi nascendo a Bolzano, nei pressi dellaeroporto, il primo esperimento di privatizzazione di un nuovo penitenziario. L’opera, in costruzione, dovrebbe essere completata nel 2016.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore