giovedì, Febbraio 20

Il Mozambico e la minaccia dell’ISIS Ecco i rapporti tra il gruppo jihasdista locale Ahlu Sunnah Wal Jammah (ASWJ) e l’ISIS

0

Il periodo natalizio non ha offerto tregua dal terrore per le persone già sofferenti della provincia di Cabo Delgado più settentrionale del Mozambico. Come ricorda Peter Fabricius dell’ISS, sono continuate le atrocità che erano state riportate in modo costante per oltre due anni.

Ci sono stati circa 350 incidenti da quando la sospetta insurrezione di un gruppo jihadista locale ora generalmente chiamato Ahlu Sunnah Wal Jammah (ASWJ) è scoppiata con attacchi simultanei alla polizia e alle basi militari in ottobre 2017. Presto si è trasformato in una campagna terroristica brutalmente diretta principalmente a civili disarmati.

Il bilancio delle vittime di questa insurrezione, compreso il personale di sicurezza, gli insorti e i civili (di gran lunga il maggior numero), supera i 600. Eppure – afferma Fabricius – il governo di Maputo continua a presentare queste atrocità come una semplice criminalità.

Nessuna insurrezione del Mozambico è ancora arrivata all’ordine del giorno dell’Organo di Politica, Difesa e Sicurezza della SADC, che è incaricato di affrontare tali minacce regionali. Ciò nonostante le prove di ricadute nella vicina Tanzania e collegamenti con altri jihadisti lungo la costa orientale.

Gran parte del problema nel caratterizzare correttamente questo fenomeno è che si sa così poco sugli autori. Ciò a sua volta, secondo il ricercatore dell’ISS, è dovuto al fatto che ASWJ non rivendica pubblicamente alcun attacco o morte e che il governo mozambicano limita quasi completamente l’accesso alla zona di conflitto per ricercatori e giornalisti.

Ciò ha anche sollevato sospetti su ciò che Maputo potrebbe cercare di nascondere. La costa di Cabo Delgado è un importante canale per il contrabbando di droga e altri contrabbandieri: si ritiene inoltre che un commercio contribuisca a finanziare l’insurrezione dell’ASWJ, ma che può coinvolgere anche funzionari governativi.

Ma se ASWJ non ha preso “credito” pubblico per gli attacchi, lo Stato Islamico apparentemente lo è. Finora ha rivendicato la responsabilità di 27 attacchi, secondo alcuni analisti della sicurezza. Ciò solleva interrogativi su come sono collegati ISIS e ASWJ. ASWJ è la consociata locale di ISIS? L’ISIS sta semplicemente rivendicando il credito per aumentare la sua statura pubblica, soprattutto dopo la perdita della faccia causata dalla caduta del suo califfato in Siria e Iraq?

Gli analisti sembrano incerti, anche se la maggior parte suggerisce che ASWJ sia davvero un’organizzazione di origine locale ma con collegamenti all’IS globale. Questo – dice Fabricius- può in parte essere attraverso la Provincia dell’Africa Centrale dello Stato Islamico (ISCAP) che ha rivendicato la responsabilità di alcuni attacchi.

L’ADF è originario dell’Uganda ma da anni terrorizza i cittadini della Repubblica Democratica del Congo orientale. Come ASWJ, ha assunto un carattere jihadista.

Tuttavia, ISCAP e l’influenza dell’IS nel nord del Mozambico dovrebbero essere presi più seriamente di così, poiché crescevano. ‘arrivo di Wagner, la compagnia militare russa privata a Cabo Delgado nel 2019, aveva aumentato la presenza dell’IS nella provincia, poiché l’ISCAP aveva ridistribuito i combattenti ADF a Cabo Delgado per contrastare le forze russe.

Molti analisti rimangono scettici sulla connessione ISIS. Non vi è dubbio che ASWJ originariamente era e probabilmente è ancora essenzialmente un fenomeno domestico. Radicati nel suolo di Cabo Delgado, le condizioni comuni a tali insorti sembrano averle dato alla luce e continuano a dargli vita.

Questi includono macinare la povertà e un senso di emarginazione e disuguaglianza, sia tra i cittadini della provincia e l’élite a sud a Maputo e in altre parti del paese, sia tra alcuni gruppi etnici e fazioni musulmane a Cabo Delgado. La recente scoperta di vaste riserve di gas nel Bacino di Rovuma potrebbe aggravare un senso di relativa deprivazione tra i fanti più giovani ASWJ che probabilmente sentono che questo colpo di fortuna li farà passare come qualsiasi altra cosa.

Tuttavia, l’affiliazione putativa a ISIS potrebbe migliorare la minaccia di ASWJ, incluso il potenziale per il trasferimento di tecnologie e competenze più micidiali, nonché una pronta fornitura di rinforzi. A prescindere dai legami con l’ISIS internazionale, non sembrano esserci dubbi sul fatto che le ramificazioni regionali dovrebbero essere prese più seriamente.

Quando nel 2018 sono comparsi i sospetti autori di reati nei tribunali del Mozambico, hanno incluso cittadini di stati vicini. Alcuni pubblici ministeri e analisti del Kenya hanno affermato che esistono collegamenti jihadisti dalla Somalia, attraverso Kenya e Tanzania, al Mozambico.

Un analista al seminario ha consigliato ai funzionari del governo sudafricano presenti di prestare maggiore attenzione alla minaccia, anche se chiaramente la SADC non lo era. Era un breve tragitto da Cabo Delgado al Sudafrica, ha avvertito.

Se la SADC continua a ignorare o almeno minimizzare il problema, Pretoria dovrebbe avviare o intensificare la cooperazione in materia di intelligence e sicurezza con il Mozambico, la Tanzania, il Kenya e la Somalia per ottenere una presa più sicura su questo cancro alle porte del Sudafrica prima che metastasi.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore