martedì, Marzo 26

Il mondo delle Escort: sesso, perversioni e scelte di vita Un mondo alternativo, del quale non tutti siamo a conoscenza, ma di cui abbiamo almeno sentito parlare una volta nella vita sono le 'Escort'. Attualmente sono un mondo che sta facendo parlare molto di sé.

0

Definito come il lavoro più vecchio al mondo, quello della prostituzione, esso è stato sviluppato in diverse culture. In Giappone sono chiamate Geishe, le mogli del crepuscolo. Nell’antica Mesopotamia la prostituzione era considerata sacra, eseguita da ogni donna che dichiarava la sua ospitalità allo straniero. Mentre in Sardegna ed in Grecia la prostituzione maschile era un chiaro segno di fedeltà alla Dea Astarte. Nel ‘500 le cortigiane erano viste come donne forti, istruite, ci cui i nobili signori richiedevano anche pareri su guerra e commercio. Ci sono tantissimi segni e testimonianze storiche che fanno capire come essa sia ‘giudicata’ in base all’epoca in cui si trova.

Il mondo delle Escort, che interessa sia uomini che donne, è molto confuso nella morale della società. Nonostante siamo una generazione che si considera all’avanguardia, in realtà, il giudizio sociale è pronto a puntare il dito contro chiunque ha deciso di intraprendere questa carriera.

In effetti ci sono molte testimonianze di Escort che si sono trovate a fare questo lavoro a causa di problemi economici, gravi delusioni di amore, problemi per la loro fragilità’ emotiva e persone che sono state sfruttate da uomini o donne che le hanno ingannate.

In sintesi le Escort sono accompagnatrici o accompagnatori di uomini di affari e donne prestigiose che mettono in vendita la loro compagnia e anche prestazioni sessuali se sono richieste.

Uomini e donne bellissime che vengono ben pagati da una clientela benestante. Naturalmente ci sono dei tabù che essi varcano oltre i limiti dell’idea comune del sesso, ma rimane bene inteso che si tratta sempre di adulti maggiorenni che sono coscienti di quello che affrontano.

Testimonianze, sesso, orge e perversioni

Una scelta difficile che porta ad andare anche contro sé stessi. Il lavoro dell’Escort ha due volti. Il primo è fatto di feste, divertimento, discoteche o cenette romantiche. Sicuramente si ha a che fare con uomini di un certo prestigio, ricchi e che non hanno mai limite agli eccessi. Il sogno di ogni adolescente, quello di divere sempre al massimo, ma c’è anche il lato nascosto.

Il secondo volto del lavoro da Escort è quello di prostituirsi, dare il proprio corpo a chi lo paga, soddisfare ogni richiesta sessuale e su questo punto occorre anche elencare una serie di testimonianze che sono date direttamente da uomini e donne che hanno fatto o continuano a svolgere questo lavoro.

Le richieste dei clienti sono tantissime. Il sesso orale, anale e con penetrazione sono le attività ‘normali’, ma ci sono anche clienti che vogliono che si balli per loro, guardare mentre si fa sesso con altri uomini. Nell’organizzare delle orge, le Escort, devono fare sesso con uomini e donne dello stesso sesso. La violenza è una caratteristica di questo tipo di lavoro. Purtroppo, tra le perversioni molto richieste, ci sono anche quelle di sadomaso e masochismo, proprio per questo occorre avere una forte personalità che non viene danneggiata da richieste che ledono la personalità.

Molte Escort non riescono sempre a reagire nel modo giusto ed è qui che nasce la dipendenza da droghe, alcol oppure farmaci.

Naturalmente ci sono molte Escort che si sentono pienamente appagati da questo lavoro poiché si sentono corteggiate, amate ed apprezzate. Esse riescono ad instaurare un rapporto anche mentale con i propri clienti e quindi sono quelle maggiormente richieste. Per essere una Escort di successo occorre avere una buona intelligenza, cultura, essere empatiche e avere anche la possibilità di intrattenere i clienti con i propri discorsi o ascoltandoli.

In effetti, tra i clienti che richiedono maggiormente delle Escort, si ritrovano uomini e donne insoddisfatti delle proprie relazioni. Incastrati in un matrimonio dove non esiste dialogo. Il timore di essere giudicati dal proprio partner per delle richieste che sono anche molto semplici, come del sesso orale.

Si tratta di essere empatici e anche un po’ psicologici. Attualmente ci sono Escort che sono diventate delle vere Star e esempi da seguire per i giovanissimi. Blogger che rilasciano interviste su quanto questo mondo sia bello ed affascinante, ma si deve sapere anche i risvolti negativi per poterlo valutare. Hanno veri e propri portali a loro dedicati: ‘Relazioni Sociali‘ per Roma, Milano e per diverse città italiane come Bologna, Firenze non mancano ovviamente anche piccoli centri.

Escort nel mondo ed in Italia

Nel mondo ci sono delle città dedicate al mondo delle Escort, dove esse riescono a pagare le tasse e ad essere delle professioniste certificate, protette e dalle tariffe anche alte.

Tra le città più famose dove esistono le Escort ritroviamo, al primo posto, la Spagna con le Isole Baleari. In questa Nazione la prostituzione è del tutto legale e ci sono turisti che si riversano, ogni anno, solo per usufruire del turismo sessuale. Ragazze giovanissime, tra i 18 e i 25 anni, che esercitano la professione anche sfruttando i network. Eccessi a go-go!

In Cina, nella città di Macao, le Escort sono un’attrazione locale e hanno fatto diventare questa città ricchissima, dove si riversano tanti uomini di affari da tutto il mondo, dove concludono i loro Business con le ‘offerte’ di Escort che sono nelle abitudini comuni. Una città dove è stato anche legalizzato il gioco d’azzardo e dove la prostituzione è sempre molto alta e richiesta.

Il Brasile, Rio de Janeiro, è tra le più chiacchierate. In questa Nazione si ha un alto turismo sessuale e le Escort sono definite tra le più belle al mondo. Il motivo di tanta richiesta consiste anche nei prezzi rispettivamente bassi che ha la loro moneta.

In Italia la prostituzione è proibita, sia esercitarla che richiederla, ma nel 2016 si sono ‘abbracciate’ le tendenze di tale richiesta con la morale comune. I lavori di Escorting sono diventati legali solo emettendo regolare fattura, quindi pagando le tasse. La ditta o la libera professionista che effettua il lavoro di Escort deve possedere una partita Iva.

Su queste nuove ‘regole’ si è assistito a un aumento delle persone che dichiarano questo tipo di lavoro e quindi si sentono anche meno giudicati da una società’ che sta cambiando.

Quante Escort esistono in Italia e quali sono le ‘tariffe’

In Italia si stimano dalle 75mila alle 120mila Escort, che pagano regolarmente le tasse per il proprio lavoro, ma in realtà’ si pensa che la cifra sia molto più alta calcolando il mondo illegale. Le Escort hanno dei prezzi che variano in base al servizio che offrono, agli anni di esperienza e anche alla loro ‘carriera’ che hanno fatto. 

Per dei semplici momenti conviviali, delle cenette romantiche o un’accompagnatrice per una serata elegante, si sborsano sulle 150 euro. Un prezzo su un servizio che non riguarda prestazioni sessuali. Mentre, per una notte con una Escort si paga sulle 300 euro. Cifre di tutto rispetto per le più inesperte. Per trascorrere una giornata intera con una Escort tra sesso e divertimento le cifre salgono dalle 500 ai 1.000 euro.

Naturalmente per le Escort che appartengono all’Élite le cifre sono astronomiche si parla di 1.000 o 2.000 euro per una sola serata di sesso. Mentre per trascorrere una giornata intera si giungono a cifre sulle 10.000 euro. Cifre che si possono permettere solo Sceicchi e Maragià, ma a livello mondiale si parla di queste cifre proprio perché esse sono reali.

Una domanda che ci poniamo è se proprio questo giro di denaro, sesso ed eccessi è parte del fascino che sta esercitando il mondo dell’Escort.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore