domenica, Giugno 7

Il cashback: l’evoluzione degli acquisti online Ecco come si può guadagnare spendendo per fare acquisti

0

Il mondo della tecnologia ha introdotto non poche novità riguardanti lo shopping online. Tra le più interessanti citiamo il cashback che letteralmente significa ’contanti indietro’ o ’restituzione dei contanti’; già solo il nome rende questa pratica molto allettante ed interessante. Si tratta di un particolare modello di offerta sempre più popolare ed in espansione, che funziona attraverso il rimborso di una parte degli acquisti effettuati. In poche parole, come viene spiegato nei vari spot presenti sul web, si guadagna spendendo per fare acquisti.

Con il cashback si ha dunque la possibilità di utilizzare una percentuale di credito restituito sugli acquisti che si effettuano online.

Al compratore, infatti, viene accreditata la somma derivante dal calcolo di una percentuale studiata proprio per il cashback. In questo modo, oltre ad usufruire dei prezzi spesso convenienti presenti sul web, si ha un vero e proprio rimborso di una parte del denaro speso. Il gioco psicologico di questo meccanismo risiede nel fatto che non si ha solamente la soddisfazione di aver risparmiato, ma di aver proprio guadagnato facendo shopping; una sensazione impagabile.

I siti di cashback, in estrema sintesi, stringono delle convenzioni con dei negozi online e suddividono i proventi a loro spettanti – per l’intermediazione nel processo di acquisto – con lo stesso utente che ha effettuato l’ordine.

Ciò avviene in una misura che varia di volta in volta, prevalentemente in base alle condizioni stipulate con il venditore partner. In generale, il riaccredito o ‘cash back’ medio che si può ottenere online oscilla tra il 5 e il 10% di quanto si è speso. Considerando che ogni portale di cashback stringe accordi commerciali diversi e sceglie autonomamente i propri partner, sarà dunque importante optare per il sito di cashback più completo e più adatto alle proprie esigenze.

Il fenomeno del cashback è molto amato ed in continua ascesa negli ultimi anni perché è possibile usufruire di eventuali promozioni o sconti su alcuni prodotti che il venditore mette a disposizione, permettendo di generare ulteriore risparmio sul risparmio. Al cliente verrà assegnato un vero e proprio salvadanaio virtuale dove accumulare i rimborsi su ogni acquisto effettuato e al raggiungimento di determinate soglie previste contrattualmente si può richiedere il pagamento delle somme accumulate.

Il cashback di BuyBuyFreel

Uno dei siti in maggior espansione in questo senso è senza dubbio BuyBuyFree che offre ai propri iscritti la possibilità di usufruire di un servizio di cashback davvero conveniente. Con questo sito, infatti, si ha non solo la possibilità di cercare i prodotti tra i migliori negozi online presenti sul web e di acquistarli ad un prezzo davvero conveniente, ma anche di ricevere una percentuale della somma spesa direttamente in crediti riutilizzabili online o convertibili in buoni spesa. In questo modo gli utenti hanno la possibilità di risparmiare e di guadagnare allo stesso tempo sugli acquisti effettuati sui siti affiliati e questo spiega il grosso potenziale del portale in questione.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore