domenica, Aprile 5

I tunnel di Larkhill: come ‘allenarsi’ alla Prima Guerra Mondiale

0

Una fitta rete di tunnel risalente alla Prima Guerra Mondiale è stata rinvenuta durante i lavori preparatori per costruire circa 400 nuove case dell’esercito a Larkhill, in Gran Bretagna. In realtà si conoscevano già trincee nella zona, ma non di tunnel profondi. Benché sia stato utilizzato un radar, uno strato di silice di circa due metri rifletteva i segnali e nascondeva l’esistenza dei tunnel. Si tratta di una vasta rete di tunnel di allenamento per i soldati che sarebbero andati al fronte.

«Questi uomini erano stati addestrati per la vera guerra, utilizzando granate dal vivo», dice Si Cleggett della Wessex Archaeology, «lo sappiamo perché abbiamo trovato oltre 200 bombe nella galleria e il 50% di loro si è rivelato ancora in tensione. Abbiamo dovuto lavorare fianco a fianco con esperti nel trattare questi ordigni». «Le trincee e le gallerie sono direttamente collegate alle battaglie combattute 100 anni fa», ha dichiarato Martin Brown, consulente archeologico del programma di base dell’esercito. «Abbiamo scavato sotto le trincee e abbiamo trovato questi tunnel che sono stati utilizzati come tunnel di combattimento per andare sotto la linea nemica e farla saltare. L’obiettivo era quello di rompere lo stallo con questa serie di tunnel sotto il nemico e creare un vuoto e questo è quello che stavano imparando a fare qui. Sapevamo di altri tre siti nel Paese, ma non sapevamo che continuasse a Salisbury Plain, è assolutamente incredibile».

Il sistema di tunnel ha rivelato che l’allenamento era realistico, con ritrovamenti di vivande e non solo, proprio per insegnare ai soldati come vivere in trincea durante le fasi di combattimento della prima guerra mondiale. Nei tunnel sono stati scoperti oltre 100 graffiti che mostrano i soldati inglesi del 4 ° battaglione del Reggimento di Wiltshire e molti nomi della Terza divisione australiana che si sono allenati sulla pianura nel 1916.

Ma non è tutto: gli archeologi hanno trovato otto chilometri di trincee e hanno scoperto una ricchezza di resti preistorici, tra cui una recinzione neolitica di almeno 600 anni più vecchia di Stonehenge e alcune tombe di 4000 anni.

 

(video tratto dal canale Youtube del Telegraph)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.