mercoledì, Agosto 5

I lavori del Parlamento, e il lavoro da fare Barnum Italia. Leoni, funamboli, ippopotami e pagliacci / 37

0

Come sostiene Alessandro Bergonzoni, funambolo delle parole e dei sentimenti, che abbiamo richiamato nel precedente ‘Barnum Italia’, ‘Ecco s’avanza uno strano Partito’ ‘L’Indro’ lunedì 30 luglio 2018, è ‘Il momento di passare dal sofà al so fare’: nel Paese, in Parlamento, ovunque… (Anche se tra ‘buoni a nulla’ e ‘capaci di tutto’ a volte un po’ di respiro dal peggio non guasta). Intanto, però «Non sarebbe male se nascesse, finalmente e davvero, un ‘nuovo’, ‘strano’ Partito. Anche recuperando questa dizione (Partito) ormai desueta tranne che dalle parti di ciò che resta del centrosinistra (…) e di ciò che resta dei Radicali dopo la ‘dipartenza’ di Pannella. Da chi, come, quando si vedrà, intanto speriamo, quanto al perché se occorre spiegarlo è inutile spiegarlo. In ogni caso crediamo che più che ‘rifondare’ qualcosa, qualcosa di nuovo, radicalmente nuovo, vada per l’appunto ‘fondato’».

E questo incombente Agosto potrebbe portare positive sorprese, in ogni caso si aprono praterie per chi avesse voglia di ‘costruire’. Mentre il Parlamento si appresta a chiudere ‘per ferie’ (martedì 7): ma non è che si noterà molto la differenza vista la scarsa attività sinora prestata da Senatori e Deputati. Dopo, Senato e Camera dei Deputati saranno aperti «ove necessario». La legislatura è iniziata di fatto solo a Giugno (tra Marzo e Aprile solo 12 ore di lavori in Assemblea). Importanti appuntamenti attendono il Paese a Settembre. Dopo aver esaminato oggi, martedì 31 luglio, il Decreto legge istitutivo della Commissioni di inchiesta sul ciclo dei rifiuti i Senatori si prendono una pausa nella giornata di mercoledì 1 agosto: niente sedute per consentire i lavori delle Commissioni. Giovedì 2 agosto, venerdì 3 ed eventualmente lunedì 6 agosto, è previsto il seguito dell’esame del Decreto Legge Mille Proroghe. Giovedì 2, alle ore 15, si svolgerà un question time. Le sedute di lunedì 6 agosto alle 11 e martedì 7 alle 9:30, senza orario di chiusura, prevedono l’eventuale seguito dell’esame del Decreto Legge Mille Proroghe e la discussione del DL ‘Dignità’ per lavoratori e imprese. Le Commissioni riprenderanno i lavori, dopo la pausa estiva, da martedì 4 settembre. L’Assemblea tornerà a riunirsi da martedì 11 settembre alle 16:30 con la discussione delle proposte istitutive di Commissioni d’Inchiesta, ove concluse dalle Commissioni, sulla toscana Comunità ‘Il Forteto’, sul terremoto de L’Aquila del 2009 e sul femminicidio.

La Camera invece è impegnata in un lavoro serrato per la discussione delle modifiche al ‘Decreto Legge Dignità’, cruciale per il MoVimento Cinque Stelle ed il suo leader di Governo (anche se apparentemente poco di lotta), Luigi Di Maio. E’ in scadenza all’inizio di settembre (il ‘Decreto’, non Di Maio, anche se di questo passo…): le votazioni sono previste come concluse entro venerdì 3 agosto. Nella pianificazione della Camera anche le norme in arrivo dal Senato per la cessione di Unità navali italiane alla Libia per il controllo delle partenze dei migranti, ma anche una serie di votazioni tecniche per la modifica di attribuzione dei Ministeri, e per la ratifica di Trattati internazionali firmati con gli Emirati Arabi Uniti. Non molto, mentre molto può essere lo spazio del ‘fare’ e del ‘costruire’. Per parlamentari, e non solo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore

Giornalista. Editore con ‘La Voce multimedia’