venerdì, Luglio 10

I robot cambieranno il nostro modo di agire e di pensare Quali sono e cosa sanno fare?

0

I robot ormai fanno parte della nostra quotidianità da molto tempo e l’idea di averne uno in casa non ci sembra più tanto strana.

Esistono, infatti, robot per ogni uso e ogni occasione: per il trasporto, le consegne a domicilio, le pulizie domestiche e l’intrattentimento, ma anche per il gioco e l’apprendimento dei bambini e per il monitoraggio della salute dei pazienti in ospedale.

Questi umanoidi di nuova generazione saranno più compatti, agili, flessibili e facili da programmare. Svolgeranno diverse compiti sia in grandi aziende sia in piccole imprese e saranno così sicuri che potranno lavorare al nostro fianco. I ricercatori sostengono che questa rapida crescita del settore della robotica attirerà più competitor.

Quali saranno, allora, i robot che cambieranno totalmente il nostro modo di vivere? Ashitey Trebi-Ollennu, ingegnere capo del Laboratorio Jet Propulsione di Nasa, descrive cinque robot che potrebbero farlo.

 

Robosmian è in grado, per la sua struttura, di condurre operazioni di salvataggio soprattutto in caso di incendi ed esplosioni nucleari; Ada sarà la mano robotica;  Phoenix, l’esoscheletro, in grado di far camminare chi ha perso la capacità di muoversi; Pepper, un robot umanoide, dotato di intelligenza emozionale, capace di instaurare legami con chi lo circonda. Prodotto dall’azienda francese Aldebaran Robotics, è un robot progettato per l’interazione con gli esseri umani, specializzato nelle conversazioni e nell’intrattenimento degli ospiti e dei clienti ; Curiosity, il rover inviato su Marte, che, se impiegato sulla Terra, potrebbe esplorare le aree più remote del pianeta.

Se i robot raggiungeranno un tale livello di perfezione, allora il nostro modo di vivere e di lavorare cambierà totalmente. A ciò si aggiungerebbe un miglioramento della qualità della vita e un aumento della ricchezza che interesserà la società internazionale.

(Video tratto dal canale Youtube BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore